Elezioni Regionali 2018: le regioni interessate

Sale l’attesa per le elezioni regionali che, in alcune parti d’Italia, si svolgeranno in concomitanza con le politiche così come era avvenuto nel 2013. In questo caso le votazioni nelle regioni potranno risentire non poco dei riflessi in ambito nazionale, ma almeno sarà possibile attuare una snellimento dei costi economici. In totale le regioni interessate da queste elezioni sono Lazio, Lombardia, Molise Basilicata, in aggiunta alle tre a statuto speciale cioè Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Valle d’Aosta. Anche se ogni regione ha il suo sistema elettorale, l’unico aspetto comune è che non ci sarà un ballottaggio: il candidato che otterrà anche solo un voto in più rispetto ai propri avversari diventerà il nuovo governatore della regione.

Leggi anche:

Elezioni Regionali 2018: quando si vota

La data delle prossime elezioni regionali non sarà la medesima in tutte le regioni interessate. Per le tre regioni di Lazio, Lombardia e Molise il giorno delle elezioni dovrebbe corrispondere a domenica 4 Marzo: in questo caso di tratterà, quindi, di “Election Day” visto che si voterà in contemporanea anche per le politiche. Il Friuli Venezia Giulia ha già deciso che, invece, le elezioni cadranno alla scadenza naturale della legislatura, con ogni probabilità a fine aprile. A maggio, invece, dovrebbe toccare al Trentino Alto Adige e, infine, ad autunno le urne si apriranno in Basilicata e in Valle d’Aosta.

Leggi anche:

Elezioni Regionali 2018: i probabili candidati

Ecco tutti i probabili candidati alle elezioni regionali 2018 per quanto riguardo le votazioni più imminenti:

  • Lazio: Nicola Zingaretti (centrosinistra), Sergio Pirozzi (centrodestra), Roberta Lombardi (M5S);
  • Lombardia: Attilio Fontana (centrodestra), Giorgio Gori (centrosinistra), Dario Violi (M5S);
  • Molise: Paolo Di Laura Frattura (centrosinistra), Enzo Di Giacomo (centrodestra), Patrizia Manzo (M5S);
  • Friuli Venezia Giulia: Sergio Bolzonello (centrosinistra), Massimiliano Fedriga (centrodestra), Antonio Galluccio (M5S).