Perché nel mare c’è il sale e nel lago no?

Inizialmente l’acqua del mare era dolce come quella dei fiumi, mentre l’attuale concentrazione di sale nel mare risale “solo” a un miliardo di anni fa. Lo sapevi? E allora, ti sei mai chiesto, perché l’acqua del mare è diventata e continua a essere salata mentre quella di fiumi e laghi è dolce? Il motivo in realtà è piuttosto semplice e si studia già alle scuole elementari. Tuttavia, se hai dei dubbi o vuoi ricontrollare il motivo per cui il mare è salato e il lago no, dai un’occhiata alla nostra spiegazione di seguito.

lago dolce

Perché il mare è salato?

L’acqua del mare è salata perché al suo interno vi sono sciolte varie sostanze, soprattutto cloruro di sodio (il sale che usiamo in cucina). Inizialmente, i mari si sono formati grazie all’acqua delle piogge che, cadendo sul terreno, porta con sé diversi sali presenti nel suolo i quali vanno a riversarsi nelle acque dei fiumi. I fiumi, che nello scorrere verso il mare svolgono un’azione erosiva e raccolgono vari sali tratti da terreno e detriti, li riversano tutti in mare. Le temperature elevate fanno evaporare parte dell’acqua, ma non i sali disciolti, facendo sì che il mare sia salato.

Il grado di salinità ovviamente però non è uguale per tutti i mari, in quanto varia dalla loro profondità. Gli abissi degli oceani, ad esempio, in quanto soggetti a minore evaporazione rispetto alle acque in superficie, sono meno salati.

Perché l’acqua del lago è dolce?

Come abbiamo visto, tutte le acque presenti sulla Terra derivano dalle precipitazioni atmosferiche o dallo scioglimento di ghiacciai, acqua caratterizzata da un basso grado di salinità. Mentre i mari, nel corso di miliardi di anni, sono diventati salati a causa dei sali riversati dai fiumi al loro interno, i laghi non sono interessati da questo fenomeno (o comunque in maniera molto minore), quindi mantengono al loro interno acqua dolce.