Smartphone smarrito: cosa fare se è in modalità silenziosa?

Lo smartphone ormai fa parte della nostra quotidianità tanto da utilizzarlo in ogni occasione: è un’abitudine averlo tra le mani durante le lezioni, sul posto di lavoro, per strada e addirittura quando si è al bar con gli amici. Molto spesso, però, capita di smarrirlo accidentalmente o di non ricordare dove lo abbiamo momentaneamente riposto. In quel momento d’istinto chiediamo a chi è con noi di farlo squillare per riconoscere la sua posizione dalla direzione del suono, ma cosa succede se è impostato in modalità silenziosa o con un volume molto basso? Fortunatamente esistono delle piattaforme predisposte sia da Apple che da Android per rintracciare lo smartphone con altri escamotage: ecco come fare!

La piattaforma “Trova il mio iPhone” di Apple

Per rintracciare il proprio iPhone la Apple ha predisposto la piattaforma “Trova il mio iPhone” disponibile sia online che sotto forma di applicazione. Bisogna innanzitutto abilitare l’opzione nel menu delle impostazioni del telefono attraverso il seguente percorso: Impostazioni, Account e password, iCloud e Trova il mio iPhone. A questo punto, una volta smarrito l’iPhone, basterà identificarsi con l’ID Apple con cui si gestisce il telefono per ottenere una mappa in cui verrà indicata la posizione del dispositivo. In questo caso si potrà anche far squillare il cellulare impostato in modalità silenziosa.

La piattaforma “Trova il mio dispositivo” di Android

La piattaforma di AndroidTrova il mio dispositivo” funziona in maniera analoga a quella disponibile per Apple. Collegandosi  con il proprio account bisognerà digitare la richiesta “Trova il mio smartphone” nel motore di ricerca. A quel punto si riceverà una mappa con l’ultima posizione registrata del cellulare e si potrà accedere ad una serie di comandi, tra cui lo squillo lungo cinque minuti anche se in quel momento il telefono è in modalità silenziosa.

Leggi anche: