Smartphoners, come funziona l’app che ti premia se non usi il cellulare alla guida

Quanti incidenti stradali mortali sono stati causati dalla distrazione e dall’uso del cellulare? Tanti, anche forse fin troppi. Non sono servite leggi, multe salate o ritiro della patente per evitare questo tipo di guida distratta, gli automobilisti non si sono fatti spaventare da punizioni severe e denunce, allora cosi facendo c’è bisogno di un metodo simpatico e coinvolgente che convinca a intraprendere una guida coscienziosa che eviti problemi e incidenti. Nasce così Smartphoners, l’App che calcola i km che fai senza toccare il cellulare e che in cambio ti premia con buoni benzina. E’ un’idea simpatica che da un periodo è arrivata in Italia e che ha già riscosso molto successo. L’app promuove un comportamento corretto alla guida attraverso un concorso premio aperto a tutti. Ma ora cerchiamo di capire come funziona questa meravigliosa App e come può incentivare specialmente i giovani a levar via dalle mani il telefono mentre si è alla guida.

Smartphoners, cos’è 

L’App Smartphoners nasce da un’idea di un’italiana, Olimpia Bolla, che un giorno, mentre guidava in autostrada, come racconta lei stessa, ha rischiato di finire con la sua auto sotto un camion solo per aver risposto ad un messaggio. Da lì la donna ha preso consapevolezza che molte volte al giorno si rischia la vita per niente, per sciocchezze, per distrazioni, e allora la giovane imprenditrice ha deciso di risolvere questo problema inventando questa applicazione che sta riscuotendo successo e ha evitato già all’incirca il 40% di incidenti stradali. E’ un’app per Android e IOS che si scarica gratuitamente e regala buoni carburante a chi percorre più km senza guardare il cellulare. È come se l’automobilista fosse in sfida con se stesso, però c’è in ballo un premio. Entra in gioco anche un aspetto psicologico che è quello di superare i propri limiti e di non cadere nella mania della tecnologia ossessiva. In più c’è l’aspetto economico, i buoni benzina di certo fanno comodo a tutti e riceverli senza toccare il cellulare può essere una buona idea per evitare incidenti mortali, dove purtroppo non si può più tornare indietro.

Come funziona Smartphoners

L’app ha un meccanismo sociale: tutti gli utenti registrati accumulano punti in base a una serie di comportamenti di guida virtuosi, che comprendono non solo il non utilizzo del cellulare, ma anche una guida corretta che riguarda l’uso dell’auricolare, la velocità e i limiti indicati dall’app stessa. Ogni km fatto senza guardare il cellulare porta ad avere un punto, come si accumulano punti senza rispondere alle chiamate che si ricevono a meno che non si utilizzi l’auricolare, oppure un altro punto senza guardare lo schermo o ancora 20 punti per ogni amico a cui fai conoscere quest’app e che entra far parte di questa community grazie a te! I premi in palio sono tantissimi: buoni benzina da 10, 100, 200 e 1500 euro, con cadenza giornaliera, settimanale e mensile. L’app come si è ben capito evita non solo incidenti stradali, ma anche sanzioni, multe da pagare e ritiro di patente.

Leggete il regolamento completo sul sito ufficiale Smartphoners.it

Cellulare alla guida: le sanzioni che si rischiano

Sono molte le sanzioni per l’uso del cellulare alla guida, come la perdita di punti, il pagamento di una multa salata, ma la più severa è di certo quella della sospensione di patente per ben sei mesi. Tutto questo per evitare l’utilizzo del cellulare in auto, che è causa di incidenti stradali gravi. Infatti le critiche e le polemiche suscitate dalla “linea morbida” e dalla mancata risposta all’appello della Polizia Stradale ha dato i suoi frutti. E’ quindi in arrivo la sospensione della patente già alla prima infrazione e raddoppio delle multe. Significa che chi viene “beccato” la prima volta mentre usa il cellulare alla guida può avere una sanzione che va da 322 a 1294 euro e per chi viene preso la seconda volta da 644 a 2588 euro. La sospensione per la patente diventa immediata: da 1 a 3 mesi per chi viene multato la prima volta e in caso sia la seconda si arriva da 2 a 6 mesi.

Per quanto riguarda i punti, la prima volta vengono tolti 5 punti, mentre la seconda vengono decurtati 10 punti. Questo metodo severo imposto dallo Stato e dal ministro dei trasporti non ha avuto tanto successo come  Smartphoners già nei primi mesi dopo la sua realizzazione. Qualunque sia il motivo, lasciate il vostro telefono suonare, nulla è più urgente e importante della vostra vita.

Tutto il resto può aspettare!

Scopri di più: Cellulare alla guida: cambiano le sanzioni