Terminata la seconda guerra mondiale, venuta meno l’urgenza di porre fine all’instabilità internazionale provocata dalla Germania hitleriana, l’alleanza tra Usa e Urss, che già durante la guerra era considerata innaturale e non priva di sospetti e rivalità, si sfaldò. Troppo diversi erano i regimi che governavano i due colossi: da una parte un modello di stato in cui prevaleva l’impianto comunitario a scapito delle libertà individuali e con un pesante intervento statale in ogni campo della vita dei cittadini, dall’altro un modello liberale fondato sulla libera economia di mercato e sulla realizzazione individuale del singolo. Entrambe le superpotenze inoltre avevano l’obiettivo di diffondere anche al loro esterno il loro modello di società e di stato e ciò creò la paura che ciascuna delle due tentasse di superare a danno dell’altra i confini della propria zona di influenza, secondo la divisione bipolare stabilita con i trattati di pace