Cacciaguida, specchiando in se divina luce beatificante, già godeva silenzioso del proprio pensiero, ed io

assaporavo il mio, cercando di contemperare quello che mi era stato detto di doloroso con quello che mi era stato detto di

gradevole.
E Beatrice, che mi guidava a Dio, mi disse. “ Lascia il pensiero dell’esilio: considera che io sono vicino a Dio

(colui) che allevia ogni torto”.
Io mi volsi alle amorose parole della mia consolatrice; e qui rinuncio a descrivere la luce

di carità che io allora vidi nei suoi santi occhi;
non solo perché diffido della capacità espressiva delle mie parole, ma

anche perché la mia memoria non può ritornare tanto sopra se stessa (e ricordare), se Dio non la guida (con la sua

Grazia).
Di quel momento posso ricordare solo che, fissandola, il mio cuore fu libero da ogni altro desiderio,
mentre l’

eterna bellezza di Dio, che raggiava direttamente in Beatrice, mi appagava col raggio riflesso dai begli occhi di

lei.
Abbagliandomi con la luce di un suo; sorriso, ella mi disse: “ Volgiti (a Cacciaguida) e ascolta, perché non solo nei

miei occhi (ma anche in quelli degli altri beati ) risplende la gioia del paradiso”.
Come talvolta quaggiù sulla terra il

sentimento interiore si manifesta negli occhi, allorché è tanto grande da prendere tutta l’anima,
cosi nel ravvivato

splendore della luce santa di Cacciaguida, al quale mi volsi, riconobbi il suo desiderio di parlarmi ancora un poco.
Egli

cominciò: “In questo quinto cielo del paradiso, che è come un albero che trae la vita da Dio, sua cima, e produce continuamente

frutti senza mai perdere nessuna foglia,
si trovano spiriti beati, i quali sulla terra, prima di venire in cielo, furono

circondati da grande fama, così che qualsiasi poeta potrebbe trovare ricca materia di canto (nelle loro imprese).
Perciò

fissa lo sguardo sui quattro bracci della croce: ogni spirito che io chiamerò per nome, trascorrerà da un braccio all’altro con

la velocità con la quale il lampo solca la nube che lo ha generato ”.
Al nome di Giosuè, nel momento stesso in cui veniva

pronunciato, io vidi una luce muoversi lungo la croce; né il suono del nome fu percepito da me (mi fu noto) prima del muoversi

della luce.
E al nome del glorioso Giuda Maccabeo vidi un altro spirito muoversi girando su se stesso, e la gioia era come

la frusta che (colpendola) fa girare la trottola.
Allo stesso modo al nome di Carlo Magno e di Orlando il mio sguardo

attento seguì il movimento di altre due luci, come l’occhio del falconiere segue il falcone in volo.
Poi Guglielmo d’Orange,

e Renoardo, il duca Goffredo di Buglione, e Roberto il Guiscardo attrassero il mio sguardo lungo quella croce.
Quindi, l’

anima di Cacciaguida che mi aveva parlato, muovendosi e mescolandosi agli altri spiriti, mi fece sentire quale artista fosse

tra i cantori del cielo ( di Marte).
Io mi volsi verso destra per farmi indicare da Beatrice o con parole o con cenni quello

che dovevo fare;
e vidi i suoi occhi tanto luminosi, tanto gioiosi, che il suo aspetto superava in bellezza tutti gli altri

precedenti, perfino l’ultimo.
E come l’uomo si accorge che la sua virtù cresce di giorno in giorno, perché prova una gioia

sempre più profonda nel fare il bene,
così io, vedendo più bello il miracoloso aspetto di Beatrice, m’accorsi che l’arco del

mio giro intorno alla terra insieme al cielo, aveva una circonferenza più ampia (essendo salito in un cielo superiore e quindi

più ampio).
E come muta rapidamente il colore in un bianco volto di donna, quando questo si libera dal rossore della

vergogna ( ritornando al colore naturale ),
altrettanto rapido fu il mutamento di colore che apparve ai miei occhi, quando

mi distolsi (dal guardare Beatrice), a causa del candore temperato del sesto cielo (di contro al colore rosso del cielo di

Marte ), che m’aveva accolto dentro di se.
Nella luminosa stella di Giove io vidi lo sfavillio degli spiriti, che lì

risplendevano d’amore, disegnare davanti ai miei occhi le lettere dell’alfabeto.
E come gli uccelli levatisi in volo dalle

rive di un fiume come se si rallegrassero tra loro per il cibo trovato , si dispongono in schiera ora circolare ora d’altra

forma,
così avvolti nella loro luce, i santi spiriti, volando qua e là, cantavano, e assumevano la figura ora di una D, ora

di una I, ora di una L.
Dapprima, cantando, si muovevano sul ritmo del loro canto; poi, assumendo la forma di una di queste

lettere, si arrestavano un poco e tacevano.
O celeste musa che fai gloriosi e rendi immortali i poeti, ed essi col tuo aiuto

rendono immortale la fama delle città e dei regni,
illuminami con la tua luce, in modo che io possa rappresentare

efficacemente le figure disegnate da questi spiriti, così come si sono impresse nella mia mente: appaia il tuo potere in questi

miei versi inadeguati (alla materia trattata)!
Apparvero dunque trentacinque vocali e consonanti; ed io fissai nella memoria

le lettere componenti ciascuna parola, nell’ordine in cui mi si mostrarono espresse in figura.
“Amate la giustizia” furono

il primo verbo e il primo nome della frase dipinta nel cielo: “voi che siete giudici in terra ” furono le ultime parole.
Poi

le anime rimasero ferme e disposte nella figura della emme, ultima lettera dell’ultima parola, così che in quel punto il

pianeta Giove appariva come argento ornato di rilievi d’oro.
E vidi altre anime scendere (dall ‘Empireo) sul punto più alto

della emme, e li fermarsi cantando un inno, credo a Dio, il Bene che le attrae a se.
Poi come dai ceppi arsi dal fuoco,

quando vengono percossi, si sprigionano innumerevoli faville, dalle quali gli stolti sogliono trarre favorevoli auspici per

se,
così si videro alzarsi dal colmo dell’emme moltissime luci, e salire (verso l’alto) qual più e qual meno, a seconda del

grado di beatitudine che Dio, il sole che le accende (d’amore), ha dato loro in sorte;
e allorché ognuna si fu fermata al

suo posto, vidi che esse avevano formato la figura della testa e del collo di una aquila in quell’oro che prendeva rilievo

sullo sfondo argenteo del cielo di Giove,
Dio, che così dipinge nel cielo di Giove, non ha maestri, ma Egli stesso è il

maestro, e da lui deriva la virtù generativa che dà vita agli esseri nelle loro dimore terrene.
Le altre anime beate, che

prima apparivano paghe di assumere la forma del giglio nella lettera emme, con piccoli spostamenti completarono la figura

.
O dolce pianeta Giove, quali e quante anime luminose mi mostrarono ( prima col loro canto e poi con la figura dell’aquila,

simbolo dell’Impero e della giustizia che esso solo può realizzare ) che la giustizia umana deriva dall’influsso del cielo che

tu adorni con il tuo splendore!
Perciò prego Dio, dal quale prende inizio il tuo movimento e il tuo potere di influsso,

affinché rivolga la sua attenzione al luogo da cui esce il fumo che offusca la tua luce,
in modo che Egli si adiri una

seconda volta per i commerci che si fanno nel la Chiesa che fu edificata con i miracoli e il martirio (di Cristo e dei suoi

santi).
O anime beate del cielo di Giove, che io contemplo (nella mia memoria), pregate per i mortali, che hanno deviato

dalla giusta via per il cattivo esempio ( degli uomini di chiesa) !
Un tempo si era soliti fare la guerra con le armi, ma

ora si fa sottraendo ai fedeli, or qua or 1à, il pane spirituale che il misericordioso Padre celeste non nega a nessuno.
Ma

tu che scrivi ( i decreti di scomunica ) solo per annullarli poi ( per denaro ), pensa che Pietro e Paolo, che morirono per la

Chiesa che tu ora vai distruggendo, sono ancora vivi (in cielo e pronti a chiedere vendetta a Dio).
È probabile che

l’apostrofe sia rivolta a Giovanni XXII, pontefice dal 1316 al 1334, il quale con ogni mezzo “raunò infinito tesoro” (Villani

Cronaca XI, 20 ) . Alcuni interpreti hanno proposto il nome di Bonifacio VIII e di Clemente V, per altro già morti al tempo in

cui Dante scrive questi versi.
A buon diritto puoi dire: “ Il mio desiderio è volto con tanta forza a San Giovanni

Battista, colui che volle vivere solitario nel deserto e che fu martirizzato per premiare una danza,
che io non mi curo né

di San Pietro né di San Paolo”.