Sineddoche deriva dalla parola greca “συνεκδοχ?” che significa “ ricevere insieme”.

Si tratta di una figura retorica che consiste nel sostituire un termine con un altro, basandosi su relazioni di tipo quantitativo, ovvero i rapporti parte- tutto, genere-specie, singolare-plurare, materia prima-oggetto prodotto.

 

Esempi:

La parte per il tutto: anziché dire nave viene utilizzata la parola vela, oppure Inghilterra invece di Regno Unito.

Il tutto per la parte: Americano al posto di Statunitense

Il singolare per il plurale: l’italiano all’estero per gli italiani all’estero

Il plurale per il singolare:  passo di Dante, canto XXIX vv37-38 del Purgatorio; “ o sacrosante vergini, se fami freddi o vigilie mai per voi soffersi”; utilizza fami freddi anziché di fame e freddo.

Il genere per la specie: felino anziché gatto; mortali invece di uomini