Spese di costituzione di un'impresa

Per la costituzione di un’impresa occorre far fronte a diversi oneri. Per avviare l’attività, ad esempio, bisognerà stipulare contratti di fornitura dell’acqua, del gas, dell’energia elettrica e sostenere le relative spese di allaccio.
Questi contratti, in genere, prevedono appunto il deposito di cauzioni che per l’azienda rappresentano dei crediti verso i depositari e si iscrivono nel conto crediti per cauzione.

IL CONTO CREDITI PER CAUZIONI

Il contro crediti per cauzioni è un conto finanziario acceso a crediti.
I costi che configurano un’utilità che si protrae nel tempo (costi pluriennali) rientrano nelle immobilizzazioni immateriali sotto la voce costi d’impianto.
I costi d'impianto (o di start up) sono costituiti da:

  • costi per la registrazione;
  • oneri tributari (bolli, imposta di registro);
  • indagini di mercato;
  • spese per prestazioni professionali;

In contabilità sono:

  • costi a utilità pluriennale;
  • rientrano nelle immobilizzazioni immateriali;
  • si rilevano nel conto Costi di impianto (conto economico acceso ai costi pluriennali);
  • sono documentati da ricevute e da fatture (parcelle, se emesse da liberi professionisti);

Scopri tutte le nostre risorse per approfondire al meglio economia aziendale: