STUDIARE FUORI SEDE: I PRO E I CONTRO PER CHI VUOLE ANDARE A STUDIARE FUORI. Nella tua città natale non c'è l'università, o forse la facoltà che hai scelto non è tra i corsi disponibili, oppure hai voglia di lasciare casa, cambiare aria, iniziare una nuova avventura. E così a settembre diventerai uno studente fuori sede. Studiare lontano da casa è un'esperienza molto importante nel percorso di crescita di uno studente, un sogno per molti ragazzi, ma vivere da fuori sede significa anche caversela da soli, senza l'aiuto di mamma e papà. Ci avevi pensato?

Leggi anche: Quale facoltà scegliere: test attitudinale

STUDIARE FUORI SEDE: COSA PORTARE E COSA TENERE IN CONSIDERAZIONE. Ecco alcune cose che devi sapere prima di iniziare la tua nuova vita da studente fuori sede

  • Trovare una stanza – A meno che tu non sia tra i pochi fortunati (?) vincitori dell'alloggio universitario la prima cosa  da fare a settembre, insieme all'iscrizione all'università, sarà trovare una casa, o meglio una stanza. Condividere casa è l'unico modo per risparmiare. Cerca una casa ben servita dai mezzi e in quartieri dove non mancano i negozi. Evita gli affitti in nero.
  • I coinquilini – Condividere casa non è semplice come si vede nei telefilm. Non sempre riusciamo trovare coinquilini che possono diventare amici. L'ideale è trovare ragazzi della vostra stessa età con cui affrontare insieme la nuova avventura, magari che studiano nella stessa facoltà. Scartate i tipi un po' pazzi, ma simpatici, siete sicuri che vi piacerebbe sentire la musica a palla mentre studiate per il vostro primo esame?
  • Le faccende – I piatti non si lavano da soli, e l'armadio non si rifornisce in automatico di vestiti profumati e stirati. E il frigo, già anche il frigo, non si riempe da solo. I primi mesi sarà dura, ma poi riuscirete ad organizzarvi.
  • I soldi – Non bastano mai, figuriamoci quando dipendi dalla paghetta di mamma e papà. L'ideale sarebbe trovarsi un lavoretto da conciliare con lo studio. Con un po' d'impegno è possibile lavorare e studiare. Evitate spese inutili ed eccessive. Il tempo dei videogames originali e della scarpe firmate è finito per il momento.
  • Vita sociale – Serate universitarie, amici nuovi, feste, orari labili, ecc… Ecco una delle cose più belle della vita da fuori sede: non dover stare dietro alle regole di mamma e papà. Godetevi la libertà ma non intelligenza, evitate i brutti giri, studiate, e siate responsabili. Adesso siete maturi abbastanza, anche per divertirvi con saggezza!

Non perderti: