TESINA DI MATURITÀ SULLA VITA

I latini usavano dire: “Faber est suae quisque fortunae”, vale a dire ognuno è artefice della propria fortuna, del proprio destino ed in ultima analisi è il costruttore della propria vita. In questo senso non è azzardato sostenere che la persona che più di tutte può renderci felici è rappresentata, per ciascuno, da se stesso. Se pensiamo di essere gli artefici del nostro destino, saremo più propensi a ritenere che il futuro, in linea di massima, sarà come lo decideremo noi e comunque, anche nel caso di eventi del tutto inaspettati e inevitabili, saremo sempre noi a decidere come e con quale stato d’animo affrontarli. È facile notare come molte persone si lamentino delle proprie condizioni, o siano più portate a guardare le cose che non funzionano rispetto a quelle che vanno per il verso giusto, tuttavia è altrettanto facile notare come ben poche persone decidano veramente di prendere in mano le redini della propria vita, di rimboccarsi le maniche e cambiare quello che può essere modificato. Del resto tutti, in qualche modo e in qualche circostanza, abbiamo dato il potere di decidere sulla qualità della nostra vita a qualcuno o a qualcos’altro, trascurando il fatto che siamo noi stessi i maggiori artefici del nostro destino.

La vita è un dono molto importante…bisogna assaporarne ogni attimo, bisogna saper cogliere le cose belle, ma anche quelle brutte, sono proprio quelle che ti aiutano a crescere. Non si può non amare la vita: è il primo e il più prezioso bene per ogni essere umano. Dall’amore scaturisce la vita e la vita desidera e chiede amore. Per questo la vita umana può e deve essere donata, per amore, e nel dono trova la pienezza del suo significato, mai può essere disprezzata e tanto meno distrutta. Certo, i giorni della vita non sono sempre uguali: c’è il tempo della gioia e il tempo della sofferenza, il tempo della gratificazione e il tempo della delusione, il tempo della giovinezza e il tempo della vecchiaia, il tempo della salute e il tempo della malattia… A volte si è indotti spontaneamente ad apprezzare la vita e a ringraziarne Dio, «amante della vita» (Sap 11,26), altre volte la fatica, la malattia, la solitudine ce la fanno sentire come un peso. Ma la vita non può essere valutata solo in base alle condizioni o alle sensazioni che la caratterizzano nelle sue varie fasi; essa è sempre un bene prezioso per se stessi e per gli altri e, in quanto tale, è un bene non disponibile. La vita, qualunque vita, non potrà mai dirsi «nostra». L’amore autentico per la vita, non può essere falsato dall’egoismo e dall’individualismo. La vita va amata con coraggio, non solo rispettata, promossa, celebrata, curata, allevata. Essa va anche desiderata. Il suo vero bene va desiderato, perché la vita ci è stata affidata e non ne siamo i padroni assoluti, bensì i fedeli, appassionati custodi. Chi ama la vita si interroga sul suo significato. Amandola, combatte il dolore, la sofferenza e il degrado.
La presente tesina si propone di esplorare e mettere in luce alcune forme di vita umana e cosmica nelle sue molteplici sfaccettature e chiaroscuri la lezione che né deriva è che comunque la vita è una gran bella avventura che vale sempre la pena di vivere!

TESINA SULLA VITA: COLLEGAMENTI A TUTTE LE MATERIE

Argomenti trattati:

Per consultare la tesina completa clicca su “Scarica il file” ed effettua in un clic il download gratuito di tutto il materiale utile.

ESAME DI MATURITÀ 2018: NEWS AGGIORNATE E RISORSE

Resta sempre aggiornato con la maxi guida all’Esame di Maturità 2018 e scopri tutte le info sulle date, le commissioni e le tracce del Miur previste per le singole prove: