News

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Classifica Università 2016: la Times Higher Education

CLASSIFICA UNIVERSITÀ 2016: LA TIMES HIGHER EDUCATION. Come ogni anno la rivista settimanale britannica Times Higher Education ha pubblicato la propria classifica delle migliori università al mondo, una delle più quotate in questo ambito in cui la competizione accademica è fortissima e spesso viene vissuta con grande ansia. Prima di inoltrarci nell'analisi delle posizioni della lista stilata dal magazine bisogna purtroppo avvertire i nostri lettori: le università italiane, come spesso accade in questi casi, non fanno proprio una bella figura, e bisogna attendere lo scalino n. 228 prima di poter leggere il nome di un ateneo battente bandiera tricolore.

classifica università times higher education

CLASSIFICA UNIVERSITÀ: I PARAMETRI USATI DALLA TIMES HIGHER EDUCATION. Tra l'altro i parametri di valutazione di quest'anno sono state leggermente ricalibrati dopo alcune polemiche degli anni passati. Ricordiamo che i cinque valori presi in considerazione per arrivare a stilare la classifica sono l'insegnamento, il prestigio internazionale, la ricerca, le citazioni nelle pubblicazioni e i rapporti con il mondo del lavoro, nel senso di innovazioni portate avanti.
Il tutto viene misurato su una scala in centesimi, e per far comprendere la posizione delle nostre università basti dire che la prima a comparire – la Normale di Pisa – ha ottenuto una valutazione complessiva di 54, piazzandosi al 137esimo posto, seguito al 190esimo dalla Scuola Superiore di Sant'Anna (44.7 il voto finale).
Le principali modifiche hanno riguardato il peso di alcuni valori come la reputazione, la ricerca e le citazioni, che sono state rese più importanti in diretta relazione con l'antichità dell'università presa in esame.
 

CLASSIFICA TIMES HIGHER EDUCATION: GLI ATENEI MIGLIORI AL MONDO. La classifica per l'anno 2016 della Times Higher Education ha visto prevalere l'eterno secondo Oxford, che finalmente è riuscita a scalzare dal gradino più alto il California Institute of Technology, finito in seconda posizione, dopo cinque anni di vittorie consecutive di quest'ultimo. La sfida è rimasta dunque tutta in ambito anglosassone, dato che per vedere la prima università non in lingua inglese bisogna attendere la nona posizione, occupata dall'ETH di Zurigo, l'Istituto Federale Svizzero di Tecnologia. Per qualcosa di più “esotico” tocca arrivare all'Università Nazionale di Singapore, che ha guadagnato il 24esimo posto.
Ma facciamo un passo indietro e torniamo alla top ten: dopo Oxford e California troviamo Stanford, Cambridge, il MIT, Harvard, Princeton, l'Imperial College di Londra , l'ETH di Zurigo e Berkeley a pari merito con Chicago. Solo dodicesima Yale, per citare forse l'unico ateneo tra i più famosi rimasto escluso dal novero dei migliori in assoluto.
 

CLASSIFICA ATENEI TIMES HIGHER EDUCATION: GLI ATENEI ITALIANI. E l'Italia, si chiederà qualcuno? Escluse le due università toscane citate sopra – Normale di Pisa e Sant'Anna – il resto si situa in una massa un po' indistinta, dato che dopo la posizione numero 200 il magazine usa un ordine alfabetico diviso per lotti da 50. Per cui all'interno dei posti 201 – 250 troviamo Bologna, il Politecnico di Milano e Trento. In quello successivo è il turno di Bolzano e la Sapienza di Roma, mentre nell'intervallo 301 – 350 troviamo la Statale di Milano, Padova, Pavia.
Insomma, per quanto i criteri possano essere opinabili si tratta di un nuovo segnale importante per l'istruzione italiana, che forse dovrebbe prendere maggiormente a esempio l'intera struttura degli atenei anglosassoni, fatto le dovute differenze, sopratutto dal punto di vista economico.
 

COME SCEGLIERE L'UNVERSITÀ: LE DRITTE. Ancora indeciso sull'università da scegliere? Ecco le nostre dritte: 

Commenti

Commenta Classifica Università 2016: la Times Higher Education.
Utilizza FaceBook.