News

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Companion App, l'applicazione che fa da bodyguard

Companion App. Si chiama così l'applicazione inventata da cinque studenti statunitensi, iscritti presso l'Università del Michigan. A cosa serve? L'ap, gratuita, è già stata soprannominata sul web come 'bodyguard'. E in effetti il nomignolo è azzeccato.

La Companion App tiene traccia del percorso di una determinata persona, segnalandolo a parenti ed amici in collegamento con essa. Questi ultimi possono così notare se l'individuo, magari alle prese con l'attraversamento di una zona difficile della città, ha una andatura regolare, si ferma o comincia a correre.

La Companion App è in grado di mettersi in moto anche se amici o parenti non hanno provveduta a scaricarla. Essa infatti invia messaggi a dei numeri indicati dall'utente.

Le persone scelte dal possessore della Companion App riceveranno un messaggio con link che invia ad una mappa che mostra il percorso del loro amico.

Inoltre, l'applicazione, in caso di difficoltà, chiede se è tutto ok. In caso di mancata risposta dell'utente entro 15 secondi il telefono squilla con la possibilità di contattare la polizia.

"Inizialmente l'applicazione era pensata per il campus", ha dichiarato uno dei fondatori di Companion App, Lexie Ernst "poi abbiamo deciso di allargare il discorso. Le richieste stanno piovendo da Stati uniti e dall'Europa.  Riceviamo centinaia di mail da Regno Unito, Belgio, Svezia e Norvergia".

Commenti

Commenta Companion App, l'applicazione che fa da bodyguard.
Utilizza FaceBook.