News

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Diciassettenne muore fuori al liceo

Il camion che ha travolto il giovane ragazzoUn ragazzo 17enne di Ercolano (Napoli) è morto investito da un camion mentre si trovava all'esterno del Liceo Scientifico "Nobel" di Torre del Greco. Il giovane, che frequentava l'ultimo anno dell'istituto, era intervenuto per dividere due ragazzi che litigavano, pare per un paio di occhiali rotti, quando sarebbe stato spinto contro un camion che arrivava in quel momento. Il giovane ha battuto la testa ed è morto sul colpo.

 Sul posto dove si è verificato l'incidente è giunto il magistrato per i rilievi e si è radunata una grossa folla di studenti e curiosi. La giovane vittima era figlio di un giardiniere che lavora in un albergo, che appresa la notizia è stato ricoverato in ospedale per un malore. Il ragazzo aveva due fratelli e una sorella. 

Il camionista sotto shock: "Non ho potuto far nulla"
Il conducente del mezzo si è fermato subito dopo, ed appare visibilmente sotto shock. L'uomo ha comunque spiegato agli inquirenti di non aver potuto evitare in alcun modo l'incidente. Giovanni, ha riferito, dopo essere stato spintonato, è finito sotto le ruote posteriori dell'automezzo, senza che l'autista avesse la possibilità di vederlo. Secondo i testimoni, il camion carico di sabbia stava transitando su via Alcide De Gasperi, dove ha sede il liceo Nobel, a velocità non elevata.

Morto mentre cercava di dividere due compagni
Sembra che la vittima sia morta battendo il capo contro la parte posteriore del camion, dopo aver ricevuto uno spintone mentre tentava di dividere due altri ragazzi che litigavano. La lite era scoppiata per futili motivi: forse determinata da uno spintone di troppo che aveva provocato la rottura di un paio di occhiali. Non ci sono altri feriti nella rissa, come invece era stato indicato da alcune notizie circolate in precedenza e che si riferivano al ferimento di un altro giovane nel litigio. Il ferimento c'è stato ma è avvenuto a Ercolano, un un'altra drammatica situazione.

"Giovanni: un ragazzo normale"
Intanto alcuni docenti della scuola parlano con commozione di Giovanni D.M. . Lo definiscono un ragazzo normale, senza grilli per la testa. "In questa scuola ci sono tutti bravi ragazzi, nessun bullo - dice una insegnante del liceo Nobel - non si sono mai verificati episodi di bullismo. Questa è stata una disgrazia nata forse da una sciocchezza".

Il preside: "Non è bullismo"
Una fatalità una tragedia dietro la quale "non c'è affatto l'ombra del bullismo" Il preside del liceo scientifico Nobel di Torre del Greco che frequentava il ragazzo, quasi non riesce a parlare. Si dice distrutto e, allo stesso tempo, incredulo. Marco Vito Cirillo è dirigente del liceo dal 1995 e in tutti questi anni, racconta, "mi, proprio mai, si sono verificati episodi del genere".

"Una fatalità"
Il responsabile dell'istituto poi ricorda Giovanni: "Era un bravo ragazzo, uno studente normale, che non ha mai dato problemi. I suoi genitori sono grandi lavoratori, hanno altri tre figli, e ogni giorno lavorano tanto, proprio tanto, per guadagnarsi il pane". Davanti al liceo che conta centinaia di studenti il preside non sa proprio spiegarsi l'accaduto: "E' un episodio che è ben lontano dal nostro modo di condurre la scuola e anche dal modo in cui i ragazzi stessi vivono la scuola - ha concluso - è stata solo una fatalità".

www.tgcom.it

Commenti

Commenta Diciassettenne muore fuori al liceo.
Utilizza FaceBook.