News

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Due ragazzi mano nella mano a Mosca: la reazione choc dei passanti

Cosa succede a due ragazzi che decidono di camminare per le strade di Mosca? L'esperimento è stato condotto da Artem Frantsuzov e Jay Babenko (entrambi ventenni ed eterosessuali) del collettivo ChebuRussiaTV e dimostra come tanto lavoro ci sia da fare sul piano culturale in un paese che non vede di buon occhio gli omosessuali.

 

La camminata moscovita di Artem e Jay dura circa tre ore e tocca con mano l'omofobia di tanti, troppi russi. Insulti, minacce, addirittura spintoni. Insomma, i due finti gay se la sono vista davvero brutta, ma se non altro hanno messo a nudo, una volta di più, il bigottismo russo.

Una questione che si fa ancora più imbarazzante se si considera che i ragazzi di ChebuRussiaTV non hanno fatto altro che darsi ad un atteggiamento normale in moltissimi paesi, ma ancora considerato una enormità in certe parti del mondo.

L'esperimento è stato condotto all'indomani della decisione della corte suprema degli Stati Uniti che ha reso legale il matrimonio fra membri dello stesso sesso su tutto il territorio nazionale.

In occasione delle Olimpiadi invernali di Sochi del 2014, furono tanti i paesi che protestarono contro le leggi omofobe in vigore in Russia. "Ma in Russia le relazioni omosessuali non sono proibite, ma è vietato parlarne tra i bambini", provò a difendersi Putin.

A Sochi fu arrestata anche Vladimir Luxuria. La sua colpa? Aver sbandierato una bandiera con su scritto 'Gay is ok".

 

 

Tags:

Commenti

Commenta Due ragazzi mano nella mano a Mosca: la reazione choc dei passanti.
Utilizza FaceBook.