News

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Scuola, troppe assenze: presidi preoccupati

C'è chi fa 'sega', chi fa 'filone', chi 'marina'. Il comune denominatore, comunque lo si voglia chiamare, è lo stesso: abbozzare l'ingresso a scuola per poi andare altrove. Arrivederci a insegnanti, banchi e libri in cambio di una giornata di libertà.

Una 'attività' che potrebbe nascondersi dietro i dati diffusi dal Miur in base ai Rapporti di autovalutazione dei singoli istituti. In media gli studenti perdono 100 ore di lezione all'anno. Si passa dalle 58 nei licei alle 171 negli istituti professionali.

Anche il dato sugli ingressi alla seconda ora è enorme: 30,7% con punte del 48% nel Lazio. Solo colpa di traffico, visite mediche o mal di testa che scompaiono all'improvviso? Molto più probabile che, in molti casi, alla base ci sia innanzitutto lavoglia di bypassare una interrogazione difficile.

Preoccupanti anche le cifre degli abbandoni ad anno scolastico in corso. Un trend che riguarda soprattutto i ragazzi ai primi anni delle scuole superiori ed in particolare quelli che frequentano licei artistici e quelli delle scienze umane. Qui si conta il 2,2% e l'1,3% di addii.

Giorgio Rembado, numero uno dell'Associazione nazionale presidi, è preoccupato per una situazione che vede responsabile anche la scuola. "E' chiaro che deve fare di più affinché i ragazzi non scappino. Bisogna trovare il modo per stimolare e motivare gli studenti".

Chi è che marina di più la scuola? Classici e scientifici riescono a limitare i danni: 11 giorni di assenza , pari al 6,4 per cento dell'intero monte ore annuo, ai 28 degli studenti dei professionali.

 

 

 

Tags:

Commenti

Commenta Scuola, troppe assenze: presidi preoccupati .
Utilizza FaceBook.