Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Teresa Lomanni

Biologia: come studiare la cellula

COME STUDIARE LA CELLULA: SPIEGAZIONE. La cellula è l’unità elementare indispensabile per la vita; non può esistere un organismo vivente che non sia organizzato in cellule. La maggior parte delle cellule è invisibile a occhio nudo, e per questo motivo gli scienziati non potevano conoscerne l’esistenza prima dell’invenzione del microscopio. Robert Hooke fu uno dei primi scienziati a costruirsi il proprio microscopio e lo utilizzò per esaminare fettine sottili di sughero; ciò lo porto a scoprire che il sughero è costituito da “piccole scatole” che egli chiamò cellule. Vediamo in generale come è costituita e andiamo invece nello specifico, su come studiare la cellula.

Non perderti: Come trovare metodo di studio

LA CELLULA: COM'E' FATTA. La cellula appare rivestita e protetta da una pellicola chiamata membrana plasmatica che permette alla cellula di scambiare materia con l’ambiente esterno. Attraverso la membrana entrano le sostanze utili e vengono espulse le sostanze di rifiuto.

All’interno della membrana vi è una soluzione acquosa che contiene sostanze organiche (proteine, lipidi ecc.), e che prende il nome di citoplasma; nelle cellule più organizzate sono inoltre presenti piccoli organi (organuli) aventi funzioni particolari. Si possono distinguere due tipi particolari di cellule:

⇒ Ci sono le cellule autotrofe, che riescono ad utilizzare semplici molecole inorganiche per preparare tutti i composti organici necessari. La cellula vegetale è autotrofa perché costruisce molecole organiche complesse partendo da anidride organica e acqua; per tale trasformazione, chiamata fotosintesi, essa sfrutta l’energia radiante del Sole, grazie alla presenza, al suo interno, di una sostanza organica verde chiamata clorofilla.

⇒ Vi sono cellule eterotrofe invece, che devono cercare nell’ambiente esterno organismi o parte di essi per demolirli e avere alcuni composti organici necessari già pronti, perché non sono necessari di prepararli da soli.

La grande maggioranza delle cellule ottiene energia con un processo che richiede la presenza dell’ossigeno dell’aria (processo aerobico), chiamato respirazione. Alcuni tipi di cellule ottengono energia dal nutrimento senza utilizzare l’ossigeno dell’aria, ossia con un processo anaerobico, chiamato fermentazione. Tutto il funzionamento della cellula è programmato, al suo interno, dal DNA, un acido nucleico capace di auto duplicarsi, cioè di produrre copie di se stesso, permettendo anche la riproduzione della materia vivente.
 

CELLULE PROCARIOTICHE ED EUCARIOTICHE. Le cellule  possono essere divise, in base alla loro organizzazione interna, in procariotiche ed eucariotiche.
 

Cellule procariotiche

Le cellule procariotiche sono quelle che possiedono la struttura interna più semplice; infatti all’interno della membrana plasmatica non si notano, anche con forti ingrandimenti, ulteriori scomparti e il DNA è disposto nel citoplasma in un  modo che può sembrare disordinato.
 

Cellule eucariotiche

Le cellule eucariotiche sono più grandi delle procarioti che e contengono molte membrane che suddividono il loro interno in tanti scomparti. È proprio una di queste membrane interne che determina la formazione del nucleo, nel quale è conservato il DNA. In queste cellule sono presenti diversi organuli con funzioni specifiche, come i mitocondri, dove avviene la respirazione.   
 

CELLULARE: COME STUDIARE E MEMORIZZARE BENE. A questo punto, ora che sappiamo come è strutturata la cellula, ecco qualche consiglio su come studiare e ripetere:

1. Leggete attentamente il paragrafo, anche più volte se è necessario, cercando di capire quale siano i concetti principali,  sottolineate le parole chiave con la matita, o ancor meglio con un colore, per metterle bene in evidenza, rispetto al contesto e provate a ripetere a parole vostre, senza rimanere fissati al libro, ricordando specificamente solo la terminologia in questione.

2.  E’ fondamentale studiare utilizzando le immagini del vostro libro di testo; molto spesso disegni, tabelle e grafici sono molto più chiari del testo ed inoltre, sfruttando la memoria visiva, avrete ben fisso in testa ciò di cui state parlando, perché sarete in grado nella vostra mente di collocare ad un nome un’immagine.

3. Studiando la struttura della cellula sarete in grado di identificare quale sia la regione nucleare e quale la regione citoplasmatica, dove si trova il DNA. Imparerete a distinguere il reticolo endoplasmatico ruvido da quello liscio e a identificare l’apparato del Golgi e così anche gli altri organelli.

4. Provate a ripetere i concetti ad alta voce.

 

LA CELLULA: RIASSUNTI E APPUNTI. Hai bisogno di appunti più dettagliati? Leggi le nostre risorse: 

Non perderti: Come studiare Biologia

Commenti

Commenta Biologia: come studiare la cellula.
Utilizza FaceBook.