Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Angela Ardizzone

Come diventare Sommelier

COME DIVENTARE SOMMELIER. Se sei amante del buon vino, hai un palato sensibile e fine, ti diletti ad abbinare bevande ai piatti più sfiziosi, forse dovresti fare della tua passione una professione: il sommelier. Si tratta di una figura professionale che troviamo spesso non solo nei ristoranti più chic, ma anche nelle enoteche e il cui lavoro non si limita solo a scegliere i vini e suggerirli, ma a molto di più. Ti sei incuriosito? Bene, allora vediamo prima di tutto come diventare sommelier di professione, quali scuole e corsi bisogna frequentare e cosa può fare un sommelier. 


COME DIVENTARE SOMMELIER: COSA PUO' FARE UN SOMMELIER. Innanizuttutto precisiamo bene cosa può fare un sommelier, vale a dire quali sono le sue mansioni. Il sommelier per prima cosa si occupa di selezionare i vini che pensa siano più idonei, in base al tipo di ristorante per cui lavora e alla clientela. Dovrà poi occuparsi di redigere la carta dei vini descrivendoli in modo dettagliato. Per poterli descrivere dovrà degustarli, individuando caratteristiche ben precise come colore, odore, densità e sapore. In base a tutte queste caratteristiche dovrà proporre i vini ai clienti, abbinandoli correttamente ai piatti scelti e servendoli poi nei bicchieri. Una sua caratteristica molto importante dovrà essere la cortesia insieme alla gentilezza, presentandosi al cliente sempre in modo sorridente. Ma il lavoro del sommelier non finisce qui: è suo compito tenere in ordine e pulita la cantina, controllando scorte e giacenze, verificando le condizioni dei vni in bottiglia e facendo attenzione alla temperatura. 
 

COME DIVENTARE SOMMELIER: CORSI E SCUOLE. Per diventare Sommelier bisogna seguire un corso o iscriversi ad una scuola. In genere il corso è articolato in 3 livelli, alla fine dei quali bisogna superare un esame finale molto selettivo. Per quanto riguarda lo studio, si passa da nozioni molto generali per poi andare, con i livelli successivi, nello specifico. Le nozioni rguardano le zone geografiche, la viticoltura, l'enologia e gli abbinamenti cibo-vino. Tra i corsi più in vista ricordiamo quello organizzato dalla Fisar (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori) il cui percorso è articolato nel modo seguente:

Primo Livello

  • Le funzioni del sommelier
  • Fisiologia dei sensi
  • Analisi Sensoriale
  • Viticoltura
  • Enologia (vinificazione bianchi)
  • Enologia (vinificazione rossi e rosati)
  • Enologia (spumanti)
  • Enologia (vini speciali)
  • Enologia (alterazioni, difetti e malattie)
  • Legislazione vitivinicola
  • I Distillati
  • La Birra e le altre bevande
  • Test finale
     

Secondo Livello: Enografia

  • Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria
  • Lombardia, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna
  • Veneto, Friuli-Venezia Giulia
  • Toscana, Umbria
  • Marche, Lazio, Abruzzo, Molise
  • Campania, Puglia, Basilicata
  • Calabria, Sicilia, Sardegna
  • Francia (Champagne, Borgogna, Alsazia)
  • Francia (Bordeaux, Loira, Sud Ovest)
  • Francia (Rodano, Provenza, Linguadoca, Rossiglione, Corsica) e Portogallo
  • Spagna, Germania e resto dell’Europa
  • Le Americhe
  • Oceania e Africa
  • Test finale
     

Terzo Livello: Abbinamento cibo – vino

  • Alimentazione
  • Metodologia dell’abbinamento – successione dei vini e dei cibi
  • Gli antipasti
  • I primi piatti, le salse, i condimenti
  • Il pesce
  • Le carni
  • Le verdure, i funghi, i tartufi
  • I formaggi
  • I dolci
  • Cucina del territorio

Per diventare un buon sommelier è allora importante conoscere bene l'enologia, la viticoltura, e conoscere geograficamente le zone da cui provengono i vini. Deve conoscere inoltre le tecniche di comunicazione con i clienti e le regole del galateo; deve conoscere almeno due lingue straniere e frequentare periodicamente corsi di aggiornamento. 
 

ORIENTAMENTO LAVORO: TUTTI I CONSIGLI. Cosa vorresti fare da grande? Ecco i nostri consigli per realizzare il tuo sogno:

Commenti

Commenta Come diventare Sommelier.
Utilizza FaceBook.