Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Teresa Lomanni

Come recuperare il debito in fisica

COME RECUPERARE IL DEBITO IN FISICA. Se vuoi recuperare il debito in Fisica ti tocca iniziare subito a studiare! E cosa c’è di più fastidioso durante l’estate, se non dover studiare? Quando il mare è una tavola blu e ci sono trenta gradi all’ombra, tutto vorremmo, eccetto che rimanere a casa, seduti dinanzi la scrivania, con il libro in mano.
Ma se a settembre bisogna recuperare il debito in fisica, non resta allora che studiare. Con una buona organizzazione si può recuperare il debito in fisica senza rinunciare al divertimento estivo.

Non perderti la maxi guida Debiti formativi: come superarli e  Come studiare Fisica

DEBITI FORMATIVI: COME RECUPERARE IL DEBITO IN FISICA. COSA STUDIARE. Per organizzare un buon piano di battaglia, il cui unico scopo è recuperare il debito formativo in fisica, è innanzitutto aver bene a mente il programma di fisica, che vi riportiamo qui.

Meccanica: Moto di un punto; velocità ed accelerazione come scalari e come vettori. Moto rettilineo uniforme. Forza e sua misura statica. Equilibrio di due o più forze applicate ad un solido. Centro di forze applicate ad un solido. Centro di forze parallele. Equilibrio nei solidi con un punto od un asse fisso. Macchine semplici: bilancia. Principio di inerzia. Proporzionalità tra forza ed accelerazione. Massa e peso; misura dinamica delle forze.

Eguaglianza fra azione e reazione: Forza centripeta e reazione centrifuga. Caduta dei gravi libera e su di un piano inclinato. Cenno sul moto dei proiettili. Pendolo. Lavoro e potenza: unità relative. Energia, sue forme e sua conservazione (non senza qualche discreta riserva in armonia con le moderne concezioni sull'equivalenza tra energia e perdita di massa). Cenni sulle resistenze di attrito e del mezzo. Pressioni nei fluidi. Principi di Pascal e di Archimede. Vasi comunicanti. Pressione atmosferica. Legge di Boyle. Cenni sul moto di un solido immerso in un fluido: navi, dirigibili e velivoli.

Termologia: Temperatura e termometri. Quantità di calore; caloria; calore specifico. Cenni sulla propagazione del calore. Dilatazione termica nei solidi e nei liquidi. Variazione termica del volume di un gas a pressione costante e della pressione a volume costante. Equazione caratteristica dei gas perfetti. Temperatura assoluta.

Cambiamenti di stato: Fusione e solidificazione. Evaporazione: ebollizione; liquefazione degli aeriformi. Vapori saturi e non saturi. Cenni di igrometria. 1° principio della termodinamica; equivalente meccanico della caloria: cenni sul 2° principio. Cenni sui motori termici.

Acustica: Vibrazioni sonore e loro propagazione; velocità del suono. Altezza e intensità di un suono semplice; timbro. Eco, risonanza, interferenza. Fonografo.

Ottica: Luce e sua propagazione. Brevi cenni di fotometria. Riflessione; specchi piani e specchi sferici. Rifrazione e riflessione totale, lastre e prismi; lenti e costruzione delle immagini relative. Strumenti ottici più comuni. Colori; dispersione della luce. Spettro; cenni sui raggi infrarossi e ultravioletti. Cenni sulla velocità della luce e sulla sua natura ondulatoria; frequenza e lunghezza d'onda. Cenni di spettroscopia e cenni sulla interferenza.

Elettricità e Magnetismo: Cariche elettriche e loro mutue azioni; legge di Coulomb. Conduttori ed isolanti. Principali fenomeni di elettrostatica e grandezze che vi intervengono. Condensatori. Cenni sulle macchine elettrostatiche. Poli magnetici e loro mutue azioni: legge di Coulomb per il magnetismo. Calamite; campo magnetico terrestre; bussola.

Corrente elettrica: Elettrolisi, pila di Volta e cenni sulle pile a depolarizzante. Accumulatori. Legge di Ohm. Calore prodotto dalla corrente e sue principali applicazioni. Campo magnetico prodotto da una corrente; applicazione alla misura della corrente e alla trasmissione dei segnali. Induzione elettromagnetica. Telefono. Cenni sulle correnti alternate e sugli alternatori, motori, dinamo, trasformatori statici. Cenni sulla produzione, sul trasporto e sulla distribuzione dell'energia elettrica.

La corrente nei gas: Ionizzazione, arco elettrico. Raggi catodici e raggi X. Cenni sui fenomeni di radioattività. Cenni sulle onde elettromagnetiche, sulla radiotelegrafia e radiotelefonia. Brevi cenni sulla teoria elettromagnetica della luce. Cenno sulla costituzione della materia: molecole, atomi, nuclei, elettroni.

COME RECUPERARE IL DEBITO IN FISICA: COME STUDIARE. Una volta letto il programma di fisica, dividete il numero di argomenti in base ai giorni che avete a disposizione; cercate di focalizzare gli argomenti collegati tra di loro nello stesso momento, vi aiuterà a fare collegamenti. Stilate un programma di studio preciso ed efficace, che non sia troppo leggero né troppo impegnativo. E’ inutile proporre dieci argomenti in un giorno, sarebbe solo una perdita di tempo. Ecco qualche dritta su come studiare per recuperare il debito in fisica:

  1. Iniziate con il ripassare la teoria degli argomenti, solo in un secondo momento passate agli esercizi; è importante conoscere la teoria e le formule per poter ragionare su un esercizio di fisica.
  2. Cercate di svolgere il numero maggiore possibile di esercizi per ogni argomento.
  3. Evitate di studiare nelle ore più calde, organizzate la giornata in maniera tale da poter studiare nelle ore più fresche.
  4. Tenetevi liberi gli ultimi sette giorni per ripassare e colmare eventuali lacune.
  5. Non rinunciate al divertimento, l’estate è la stagione più bella dell’anno; cercate di rispettare il vostro piano di studio, dedicandovi ai libri 2/3 ore al giorno: meglio fare poco per volta e bene, piuttosto che un concentrato di pochi giorni con il risultato di sola confusione.

Non perderti: 

Commenti

Commenta Come recuperare il debito in fisica.
Utilizza FaceBook.