Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Guida all'analisi del testo poetico (parte I)

Analisi del testo poetico - Gli studenti vivono sempre con grande ansia e un po' di timore l'analisi di un testo poetico. La poesia spesso ci appare una forma di comunicazione molto lontana dai giorni nostri e non è semplice studiarla e afferrarne il senso. Tuttavia analizzare un testo poetico è importante e non solo per superare verifiche e compiti in classe, ma anche per riuscire a comprendere il valore della poesia e del poeta che l'ha composta e magari imparare ad amarla.

Ecco i primi 5 consigli di StudentVille per realizzare l'analisi del testo poetico.

Leggere la poesia due volte - Prima di comprendere il significato più profondo di un testo dovrai sicuramente leggerlo più volte. Non spaventarti se non capisci il senso subito, provaci!

Leggi il titolo - Spesso i lettori si dimenticano che le poesie hanno un titolo. Uno studente non può sottovalutarlo: molti titoli contengono informazioni importantissime per comprendere il senso della poesia.

Mantieni la calma - Se durante la lettura incontri termini che non conosci o parole straniere non farti prendere dal panico. Procedi nella lettura inizialmente e cerca di concentrarti sul significato generale della poesia. Solo in un secondo momento cerca di comprendere le parole che non conosci e le frasi più di ostiche, magari con l'aiuto del vocabolario.

Leggi ad alta voce- No, non sembrerai sciocco. Devi farlo. Le poesie sono state scritte per essere lette ad alta voce. Leggendo ad alta voce è più facile cogliere il significato delle parole che sulla carta sembrano senza senso. Leggi con la tua voce normale. Non sei un attore, non distrarti.

Fai attenzione alla punteggiatura - La maggior parte delle poesie utilizza la punteggiatura per guidare la voce del suo lettore. È necessario prestare attenzione perché la fine di una riga spesso non corrisponde alla fine di una frase.

Seconda lezione

Commenti

Commenta Guida all'analisi del testo poetico (parte I).
Utilizza FaceBook.