Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Angela Ardizzone

Latino: come capire la perifrastica passiva

PERIFRASTICA PASSIVA: SPIEGAZIONE E COME SI TRADUCE. Come sappiamo, in latino vi sono tanti costrutti, la cui comprensione è fondamentale se si vuole fare un buona traduzione. Infatti, se non si conoscono costrutti come l'ablativo assoluto, la perifrastica attiva e la perifrastica passiva, cum narrativo ecc..., non si potrà mai tradurre perfettamente una versione di latino. In questo post spiegheremo come capire la perifrastica passiva, come studiarla e come individuarla all'interno di una versione da tradurre. Cominciamo!

Non perderti: Come studiare latino


 

PERIFRASTICA PASSIVA: COS'E'. La perifrastica passiva è un costrutto della lingua latina ed esprime l'idea di dovere, obbligo e necessità. Si forma con il gerundivo + le voci del verbo sum, e ha una costruzione personale e impersonale. 
 

Perifrastica passiva: Costruzione personale

La costruzione personale della perifrastica passiva si ha quando il verbo è transitivo. Ecco la struttura:

  1. Il soggetto è la cosa o la persona che deve subire l'azione, e in italiano diventa complemento oggetto.
  2. La persona che deve compiere l'azione in latino è espressa in dativo d'agente, ma in italiano si traduce come soggetto.
  3. Il verbo è al gerundivo unito ad una voce del verbo sum, e concorda con il soggetto. In italiano si traduce con una voce del verbo dovere + infinito.


Esempio 1.

Proviamo a tradurre qualche frase insieme, così da capire il procedimento da effettuare.

Urbs mihi reliquenda est (Ov.)

Partiamo dal dativo d'agente che in italiano si trasforma in soggetto:

  • mihi: io (letteralmente "a me")
  • reliquenda est: visto che il soggetto è "io", traduciamo il gerundivo + voce del verbo sum concordandolo con il soggetto, quindi "devo lasciare"
  • urbs: il soggetto diventa complemento oggetto, dunque "la città"

Dunque:

Io devo lasciare la città.


Esempio 2.

Magistro multa utilia dicenda sunt.

  • magistro: dativo d'agente che diventa soggetto, "il maestro".
  • dicenda sunt: gerundivo + voce del verbo sunt che concorda con il nuovo soggetto, "deve dire".
  • multa utilia: soggetto che diventa complemento oggetto, "molte cose utili".

Dunque:

Il maestro deve dire molte cose utili.


Perifrastica passiva: Costruzione impersonale

La costruzione impersonale invece si ha quando il verbo latino è intransitivo o transitivo senza soggetto (in italiano complemento oggetto). Ecco la struttura:

  1. Il gerundivo è al neutro singolare.
  2. Il verbo sum è alla 3a persona singolare nel modo e nel tempo richiesti.
  3. La persona da cui deve essere compiuta l'azione (quando è espressa) è al dativo d'agente.
     

Esempio 1. 

Nobis cunctandum est.

  • nobis: il dativo d'agente si traduce come soggetto, "noi".
  • cunctandum est: si concorda con il soggetto, "dobbiamo temporeggiare".


Esempio 2. 

Eundum est.

Quando non c'è il dativo d'agente, la perifrastica passiva si traduce in forma impersonale:

Bisogna andare.

 

PERIFRASTICA PASSIVA: COME INDIVIDUARLA E COME SI TRADUCE. Fin qui abbiamo illustrato la regola secondo cui vengono espresse la costruzione personale e quella impersonale della perifrastica passiva: ma come possiamo riconoscerla all'interno di una versione? Quello che bisogna fare è molto semplice:

  • individuare il verbo, che sarà nella forma gerundivo + sum
  • cercare il dativo d'agente
  • individuare il soggetto (se c'è)

Non dimentichiamo che è possibile avere il costrutto della perifrastica passiva all'interno di subordinate che a loro volta hanno una costruzione specifica: 

Censeo Carthaginem esse delendam.

Ci troviamo di fronte ad un'infinitiva oggettiva, per cui il soggetto della perifrastica è all'accusativo, mentre il verbo all'infinito: 

Penso che Cartagine debba essere distrutta.
 

METODO DI STUDIO: LE DRITTE. Ricorda che devi adottare anche il giusto metodo di studio per memorizzare bene! Ecco le nostre guide:

Commenti

Commenta Latino: come capire la perifrastica passiva.
Utilizza FaceBook.