Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Occupi? Ti becchi 5 in condotta!

Per fronteggiare il rito delle occupazioni, molto frequente soprattutto in questo periodo dell’anno, l’associazione dei presidi romani, con a capo Mario Rusconi, dirigente anche del liceo Newton, ha deciso di punire con il 5 in condotta gli studenti responsabili dell’occupazione degli istituti. Un provvedimento duro per tentare di fermare il dilagante fenomeno che sta paralizzando diverse scuole in tutt’Italia e in particolar modo nella Capitale. “Ogni istituto deciderà per sé - spiega Rusconi - La legalità non è a fasi alternate, ma deve essere a 360 gradi. La scuola è un bene della comunità, siamo favorevoli alla crescita degli studenti, ma non all’inganno educativo di poter sforare la legalità con le occupazioni. Il diritto a manifestare è legittimo ma occupare è un’azione illegale e va punita”.

“In ogni istituto - afferma il capo dell’Anp - è già prevista la sospensione per 15 giorni o più degli studenti che si impossessano degli istituti perché si interrompe un servizio pubblico e molto spesso si danneggiano le strutture con atti vandalici che non portano a nulla”.

La sanzione potrà essere decisa dal Consiglio di classe ed è una decisione molto delicata: il 5 in condotta all’ultimo trimestre, grazie al provvedimento del ministro Gelmini, porta infatti alla bocciatura. Al Liceo Anco Marzio di Ostia è stata già applicata tale punizione agli “occupanti”, al Newton di Roma la minaccia è forte ed ora molti licei romani potrebbero seguire questa strada, che potrebbe essere applicata anche in altre regioni d’Italia.

Commenti

Commenta Occupi? Ti becchi 5 in condotta!.
Utilizza FaceBook.