Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Prof punisce alunno, condannata ad un anno di carcere

La Corte d’Appello di Palermo ha condannato Giuseppa Valido, 59 anni, insegnante siciliana ormai in pensione, ad un anno di carcere per abuso dei mezzi di correzione. Nel 2006 la professoressa di lettere della prima media della scuola Boccone, nella zona del Policlinico di Palermo, punì un suo studente facendogli scrivere cento volte “sono un deficiente” sul quaderno, per aver impedito ad un suo compagno di entrare nel bagno dei maschi chiamandolo “gay, femminuccia”. All’atto di bullismo partecipò anche un altro ragazzino, che chiese però scusa al compagno, cosa che invece non fece l’altro ragazzo, spingendo l’insegnante a punirlo. All’epoca dei fatti l’alunno aveva solo 11 anni e il padre denunciò la Valido. In primo appello la donna fu assolta, nel giudizio di secondo grado il giudice aveva chiesto 14 giorni di reclusione, ma la Corte d’Appello è andata ben oltre le richieste dell’accusa.L'imputata non andrà comunque in carcere, essendoci la sospensione della pena e il condono, ma per la difesa e per la professoressa è un brutto colpo.

Sto male. Sono ferita e addolorata – ha dichiarato la Valido, che ha deciso di lasciare Palermo - Non me l’aspettavo. Nessuno dice che una settimana prima era successo un altro episodio analogo, gravissimo. Qual è la funzione di una professoressa allora? Dovevo andare oltre, facendo finta di niente? Io non ho mai inteso il mio ruolo come potere e come comando. Ho svolto un servizio. Il mio compito era chiaro: sostenere i ragazzi nella crescita, sviluppando il loro spirito critico. Sono addolorata, sì. La scuola oggi non serve più”.

Commenti

Commenta Prof punisce alunno, condannata ad un anno di carcere.
Utilizza FaceBook.