Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Riassunto l’Isola di Arturo

RIASSUNTO L’ISOLA DI ARTURO. Sei pieno zeppo di compiti e non riesci a finire il libro che ti hanno assegnato per fare un riassunto? Se il compito da fare è il riassunto de L’Isola di Arturo di Elsa Morante sei nel posto giusto! Prima di iniziare ti diamo qualche informazione importante che potrebbe esserti utile anche per la scheda libro: l'opera della Morante è considerata un romanzo di formazione, ovvero un tipo di narrazione utilizzata per percorrere le tappe più importanti della crescita e della maturazione di un adolescente verso l'età adulta. Il protagonista è Arturo Gerace, che è anche il narratore delle vicende della sua infanzia e adolescenza. Il romanzo è stato pubblicato da Einaudi nel 1957. Vediamo insieme la trama del libro e il riassunto dell’Isola di Arturo.

(Foto: Ed. Einaudi)


RIASSUNTO L’ISOLA DI ARTURO DI ELSA MORANTE: Prima parte. Il romanzo è ambientato a Procida negli anni Trenta: Arturo è un  ragazzo orfano di madre che abita sull’isola quasi in solitudine, dal momento che il padre, Wilhelm è sempre lontano da casa a causa di lunghi viaggi; è comunque una figura poco paterna, anzi molto indifferente al figlio. Il ragazzo vive in un castello diroccato, ma grazie alla sua fantasia, la sua fatiscente casa diviene un luogo mitico e magico, quasi fiabesco. La sua unica compagnia è rappresentata da Silvestro, un suo amico, e dalla cagnolina, Immacolatella, a cui è molto legato. Arturo però pensa sempre ai suoi genitori: ha un’ammirazione enorme per il padre, anche se lo trascura, e ripensa sempre alla mamma morta di parto. Wilhelm per Arturo è quasi un eroe che il ragazzo immagina occupato in mille avventurose peripezie. Anche gli amici del padre sono per lui delle figure mitiche: il solo fatto di essere stati degni della sua amicizia li rende ai suoi occhi delle persone straordinarie.
Il ragazzino passa così le giornate da solo a progettare viaggi fantastici, come quelli del padre, a leggere le storie sui condottieri del ciclo cavalleresco, e a studiare l'atlante per progettare i suoi spostamenti futuri.


RIASSUNTO DEL LIBRO L’ISOLA DI ARTURO: Seconda parte. Arturo viene profondamente scosso quando Wilhelm, di ritorno da uno dei suoi spostamenti,  porta a casa una giovane moglie, Nunziatella, una ragazza di sedici anni dei bassifondi di Napoli. Arturo inizialmente è geloso perché la giovane rappresenta un elemento che potrebbe allontanare di più suo padre. Nunziata cerca di instaurare un rapporto con Arturo, ma lui, geloso delle attenzioni che Wilhelm le riserva nei primi mesi di matrimonio, oppone un muro impenetrabile.
Non si tratta però di pura e semplice gelosia e Arturo se ne rende conto alla nascita del fratellino, Carmine: il suo atteggiamento è dovuto al fatto di essere attratto dalla matrigna, sua coetanea. Il ragazzo si rende così conto di invidiare al fratellastro il fatto di avere una madre affettuosa, che vive per lui e lo riempe di baci. Lui una madre non l'ha avuta e crede di non essere mai stato baciato. Arturo fa di tutto per farsi notare da Nunziatella, che però ha occhi solo per il fratellino appena nato. Il ragazzo per attirare la sua attenzione finge addirittura il suicidio, assumendo delle pillole di sonnifero del padre. Durante il periodo di forzato riposo e di convalescenza, Nunziatella accudisce Arturo che esagera persino, cercando di baciarla dando sfogo ai suoi sentimenti di amore pure e di bisogno d'affetto. La ragazza però lo rifiuta.  Il ragazzo sfoga la sua frustrazione raccontando le sue pene amore ad un’amica della matrigna, la vedova ventunenne Assunta: sarà questa ad iniziare Arturo al sesso. Il ragazzo, ormai nel pieno dell'adolescenza, si rende finalmente conto dei sentimenti che prova per la matrigna e utilizza l'amante, che non vuole assolutamente baciare, per cercare di farla ingelosire. Al dolore per l’amore non corrisposto di Nunziatella si aggiunge anche il ridimensionamento della figura del padre: Arturo scopre che Wilhelm non compie affatto eroiche imprese, ma che durante i viaggi si reca a Napoli e che ha addirittura iniziato una relazione omosessuale con un uomo. Quest'ultimasi intuisce e non è dichiarata, ma è sufficiente questo pensiero per suscitare odio in Arturo nei confronti del padre, tanto da risiutare qualsiasi atto di riconciliazione.


L’ISOLA DI ARTURO TRAMA: Conclusione. Arturo è profondamente turbato da queste scoperte che lo hanno disilluso e scosso, e hanno determinato bruscamente la fine dalle sua infanzia piena di fantasticherie. Confessa turbato il suo amore a Nunziata e tenta di baciarla, ma, respinto, lotta con lei, ferendole il lobo dell'orecchio. Fugge allora, con l'intenzione di andarsene per sempre dall'isola. Decide così, insieme all’amico Silvestro, di arruolarsi come volontario nella nella seconda guerra mondiale, abbandonando per sempre l’isola, le persone della sua infanzia e il suo passato. Da un campo di prigionia in Africa scriverà le sue memorie e la sua storia.


L’ISOLA DI ARTURO RIASSUNTO DETTAGLIATO: LE TEMATICHE PRINCIPALI. Questo romanzo ha come tema principale la crescita di Arturo da lui narrata in prima persona. Sono molti i temi affrontati nel libro che vede il protagonista crescere affrontando le tappe principali della vita, prima l’infanzia e poi l’adolescenza turbolenta. I temi sono diversi, vediamo insieme i principali, su cui si basa l'intero romanzo:

  • La fantasia dell’infanzia in contrasto con la durezza della vita e l’indifferenza paterna. Arturo vive e si alimenta dei sogni, fatti di mirabolanti imprese, soprattutto del padre, considerato un vero e proprio eroe. Sarà la fantasia a renderlo sereno e salvarlo da un infazia in completa solitudine.
  • La solitudine di Arturo, che cresce solo intento a fantasticare un modo illusorio, che non esiste, ma che rende la sua fanciullezza spensierata.
  • Il sentimento della gelosia e poi dell’amore, che nascono in un periodo di forti cambiamenti come l'adolescenza. L'adolescenza di Arturo è fatta, come per tutti, di novità e scoperte, tra cui anche le prime esperienze sessuali e l'amore non corrisposto.
  • Il rapporto padre-figlio, fatto di incomprensioni, indifferenza, amarezze. Solo in un secondo momento Arturo scoprirà che il padre non ha nulla di eroico, ma è solo un uomo che ha debolezze e che sbaglia e che con lui ha sbagliato per tutta la vita. Comprendere che il padre non è altro che questo scombussolerà molto il ragazzo.
  • Il tema della guerra: sconvolto, Arturo si arruola e da un campo lontanto dal suo paese natio, ripercorre le tappe della sua esistenza.

COMPITI: RIASSUNTI, TEMI E SCHEDE LIBRO- Studia insieme a noi grazie ai nostri riassunti:

Commenti

Commenta Riassunto l’Isola di Arturo.
Utilizza FaceBook.