Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Saggio breve sulla Musica

SAGGIO BREVE SULLA MUSICA. Devi svolgere un saggio breve sulla musica? Se non sai proprio da dove iniziare puoi sempre prendere spunto da un testo già svolto. Nel saggio breve sulla musica che abbiamo svolto come esempio per voi  presentiamo un argomento molto attuale: leggere per credere! In più è a vostra disposizione per trarre qualche spunto qualora questo argomento fosse oggetto del vostro saggio breve, anche se ci raccomandiamo di leggere sempre con molta attenzione i documenti in allegato alla traccia. Allora, cosa aspettate? Continuate a leggere così da capire come strutturare il vostro saggio e quali punti toccare.

Non perdere: Saggio breve: come fare

saggio breve sulla musica


SAGGIO BREVE SVOLTO SULLA MUSICA. Per prima cosa quindi, nell’affrontare la traccia assegnata, prestate molta attenzione ai documenti; poi fate uno schema per strutturare il saggio e solo alla fine, dopo essersi fatti un’opinione basandosi sui materiali in dotazione, iniziate a scrivere il saggio! Bene, dopo queste raccomandazioni, iniziamo. Prima però, scegliamo il titolo del saggio breve sulla musica e la rivista di riferimento per la consegna.

  • Saggio breve sulla Musica, titolo: La musica al giorno d’oggi: arte o commercio?
  • Saggio breve sulla Musica, consegna: rivista di moda e costume.
     

SAGGIO BREVE SULLA MUSICA. INTRODUZIONE. Iniziamo a svolgere la traccia del saggio partendo dall’introduzione, che deve sì essere breve, ma anche efficace, in modo da inquadrare subito l’argomento. La musica non ha età, ma come tutti gli aspetti culturali si evolve e si adatta alla società, diventa strumentale o semplicemente arte. I suoi mutamenti, dati dal gusto corrente e dalle spinte culturali, sono lo specchio dei tempi e forse, più che altre espressioni dell’uomo, aiuta a capire le trasformazioni della società. Oggi assistiamo a diversi cambiamenti musicali, sotto la spinta soprattutto di nuove opportunità e nuovi orizzonti. Sono molti, infatti, i programmi televisivi che si occupano di musica: negli ultimi anni si sono moltiplicati talent, contest, festival. Un toccasana per la musica, o la fine dell’arte intesa come espressione di creatività e innovazione?


SAGGIO BREVE SULLA MUSICA. SVOLGIMENTO. Passiamo ora ad elaborare la parte centrale del saggio. Business o arte dicevamo. Il cambiamento sta tutto qui. Non discutiamo in questa sede del cambiamento come forma d’arte in sé, perché come si sa, i gusti sono gusti e non si discutono, ma poniamo l’accento sulla parte prettamente commerciale che ha investito la musica in questo ultimo decennio. Premettendo che anche l’artista e il musicista devono guadagnare per vivere e non possono solo cibarsi di arte e creatività, ma non ci saremo un po’ troppo allontanati dal concetto sempre valido che l’arte è bellezza pura e il commercio la rende un minimo più terrena? Il business della musica coinvolge diversi settori oggi: dai programmi televisivi che sfornano troppi talenti, che poi dopo qualche mese non sentiamo più alla radio ne in tv, alle radio, tutto assume un aspetto economico. La musica la si fa per essere venduta e allora la gavetta, lo studio, la passione e la dedizione diventano quasi superflui, basta candidarsi per partecipare ad un talent, e magari vincerlo, per avere successo. È vero che l’industria discografica oggi come non mai è al massimo della sua potenza ma è anche vero che proprio questo aumenta l’effimerità del successo e abbassa notevolmente il livello musicale. Il dibattito è molto vivace perché è difficile pensare ad una forma d’arte come la musica associata al mero guadagno e quindi, in un’età di paradossi sociali, ci ritroviamo da un lato un qualunque giovanotto appena fresco di talent che sforna un tormentone, ovviamente non musicato e scritto da lui, dall'altro un Bob Dylan Premio Nobel per la letteratura, testimone di una musica sudata, vissuta e socialmente utile. In cosa consiste quindi la criticità del fatto che musica non sia più solo arte di per sé ma rientri ormai nelle logiche dell’economia e del mercato? A mio parere, questa cesura rischia di contaminare la musica e il pericolo è che perdendo la sua natura, rischiamo di ritrovarci ad ascoltare musica fatta da contenitori vuoti, che non hanno senso e che non contribuiscono a smuovere le coscienze. In più, c’è un aspetto che non può essere sottovalutato: negli ultimi anni, la produzione artistica nel mondo della musica, che ha subito una flessione dal punto di vista qualitativo, ha smosso troppi interessi economici  che hanno spinto i maggiori proprietari delle case discografiche a porre come unico fine l’aumento del guadagno, portando inoltre il costo dei cd alle stelle. Consideriamo anche l’aspetto dal punto di vista dei musicisti. Pensiamo per esempio ai musicisti emergenti: in pratica oggi, se non vai a X Factor o ad Amici fai fatica a trovare il tuo posto nel panorama discografico. L’impressione, mia e condivisa da molti, è che il senso bisogna trovarlo nella spettacolarità della cosa in sé, ma non nell’ambito musicale. I ragazzi sono strumenti di questo business, non importa poi se si infrangono sogni e speranze. E infine, un ultimo aspetto che scaturisce da una domanda: ma la musica si fa ancora? In un mondo dove è tutto computerizzato, dove puoi trovare una chitarra su un ipad, anche la creatività deve adattarsi ad una società altamente tecnologica come la nostra.


SAGGIO BREVE SULLA MUSICA. CONCLUSIONE. Siamo alle battute finali e allora concludiamo il nostro saggio breve sulla musica. E quindi, come si risolve la questione? La musica è a rischio e può essere travolta da questa ondata di tecnologia e business? Forse in questo momento di crisi di valori, anche il musicista deve adattarsi e diventare imprenditore di se stesso anche se dal mio punto di vista spero ancora che non sia arrivi a ridurre la musica a concetti come mercato o consumatori, ma che riprenda il suo posto privilegiato tra le arti umane d’eccellenza.

Leggi anche: Saggio breve sulla musica e i giovani: scaletta e svolgimento
 

SAGGIO BREVE: COME SI FA. Se vuo altre dritte su come fare un bel saggio breve allora leggi qui:

Commenti

Commenta Saggio breve sulla Musica.
Utilizza FaceBook.