Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Scuola noiosa, le proposte degli studenti

La scuola italiana non piace agli studenti. Non è certo sorprendente il dato emerso da uno studio promosso da Comunicazione Perbene, associazione no profit, condotto su 1.600 alunni (scuola media e superiore) e realizzato attraverso un monitoraggio su blog, forum, community specializzate sulla scuola e sui più importanti social network. Interessante è però riflettere sui consigli che i ragazzi italiani danno per rendere la scuola meno noiosa e più divertente.

Il 73% degli studenti non si sente a proprio agio tra i banchi di scuola, il 21% considera addirittura la scuola un luogo di tortura mentre il 63% non ha un buon rapporto con il proprio insegnante. Per il 56% i programmi scolastici sono troppo ‘antichi’ e quasi il 49% ritiene che i metodi di insegnamento siano noiosi e tradizionali. Sotto accusa i professori, per l’età spesso troppo avanzata, per una presunta scarsa preparazione e per l’abitudine a non instaurare rapporti umani con i ragazzi, limitandosi a ‘torturarli’. Non si salvano dalle lamentele dei ragazzi neanche le classi, ritenute fatiscenti e dotate di sedie scomodissime. Ma gli studenti hanno testimoniato anche di non sopportare più i soliti compiti in classe e interrogazioni (55%), affermando di essere già ‘disperati’ all’idea di dover ricominciare a leggere, sottolineare e ripetere per tutto l'anno (47%).

La soluzione? Assumere professori più giovani (35%), ovviare alle pareti ‘deprimenti’ delle classi con dei murales (31%) ma soprattutto dare ampio spazio alle tecnologie. Studiare le materie con i new media per renderle digeribili, proposta sposata da un notevole 75%: via libera dunque a smartphone e iPad. Una proposta assurda? Macchè! Nella prestigiosa Università di medicina di Stanford dal prossimo anno le matricole avranno a disposizione 90 iPad per studiare. Gli studenti italiani si confermano al passo coi tempi. O forse troppo avanti…

Commenti

Commenta Scuola noiosa, le proposte degli studenti.
Utilizza FaceBook.