Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Studenti palpeggiano una insegnante di matematica.

LECCE - Il provveditore agli studi di Lecce, Antonio Campanelli, ha aperto un'indagine nella scuola media di secondo grado dove sarebbe stato girato un filmino hard, che coinvolgerebbe una docente e studenti minorenni di una scuola della provincia di Lecce e che è stato diffuso su Youtube. Nel filmato - di un'ottantina di secondi - si vede una giovane professoressa e tre suoi alunni, probabilmente minorenni, in immagini hard.
Secondo primi accertamenti potrebbe essere successo a Monteroni - il titolo del filmato è Professoressa Monteroni - a pochi chilometri da Lecce. Il video mostra il volto della docente, un particolare del suo fondo schiena, il volto di due dei tre ragazzini, impegnati a toccarla. Il filmato è giunto ai carabinieri del Norm della compagnia di Lecce che lo hanno a loro volta trasmesso al pm di Lecce Maria Cristina Rizzo, magistrato che si occupa di reati a sfondo sessuale.
Gli investigatori hanno anche predisposto indagini per scoprire chi abbia ripreso le immagini, se lo ha fatto con il consenso dei protagonisti, e per accertare una eventuale manipolazione delle riprese. Controlli sono stati inoltre predisposti per identificare i ragazzini e accertare la loro età.



INSEGNANTE, ERA UNA SIMULAZIONE

''Era solo una simulazione, appena ho capito che stavano andando oltre li ho cacciati''. Lo afferma l'insegnante salentina di 40 anni - bella presenza, sposata con un professionista e madre di un bambino di undici anni - che in un filmato diffuso sulla rete (e rimosso dal pomeriggio di oggi) viene mostrata mentre si fa toccare il fondoschiena da alcuni alunni. La registrazione - secondo quanto la stessa donna riferisce - risalirebbe allo scorso mese di marzo. Sarebbe stata compiuta nell'istituto privato leccese dove allora insegnava, prima che venisse trasferita, da ottobre, nella scuola pubblica in cui insegna oggi.

Raggiunta telefonicamente da un cronista, la donna spiega di aver messo al corrente il preside dell'accaduto che definisce ''un equivoco'', perche' lei e' stata una ''vittima inconsapevole''. ''C'era confusione intorno alla cattedra - dice - non pensavo minimamente che stessero riprendendo con il telefonino, se l'avessi saputo avrei preso il cellulare e l'avrei fatto in centomila pezzi''. La professoressa rivela di aver riferito l'episodio al preside e che questi prese dei provvedimenti per i responsabili, sospendendoli per qualche giorno dalle lezioni. ''Mi hanno umiliata - aggiunge - con loro avevo un bellissimo rapporto, con uno di loro spesso ho giocato anche a pallavolo. Ora sono distrutta e non voglio che a scuola nessuno piu' si avvicini a me''. Sull'episodio sono state aperte due inchieste, una dalla Procura della Repubblica di Lecce contro ignoti per atti sessuali con minori, e l'altra dall'Ufficio scolastico regionale.

STESSA STORIA IN FILM A BERLINO

La storia tra una professoressa e un suo studente di 15 anni che non subisce ma alimenta la relazione con la donna piu' matura, non e' solo quella del video rilanciato da Youtube ma anche del film 'Diario di uno scandalo' di Richard Eyre.

Il film, presentato in questi giorni in concorso al Festival di Berlino, uscira' in Italia il 23 febbraio. Tratto da un romanzo best seller, 'La donna dello scandalo' di Zoe Heller (tradotto in Italia da Bompiani), il film modifica la forma diaristica del libro in un confronto tra due vite, due mondi, due solitudini. In una modesta scuola superiore dell'hinterland londinese, la vita agra, solitaria e senza emozioni di Barbara (Judie Dench), insegnante autoritaria e avvizzita, e' risvegliata dall'arrivo di una collega assai piu' giovane, dinamica ed empatica, Sheba (Cate Blanchett). Sheba e' insoddisfatta e frustrata crede di potersi sentire di nuovo viva iniziando una improbabile ma travolgente relazione con uno studente di 15 anni che non solo e' consenziente ma ha parte attiva nella relazione, tanto che e' proprio lui a farsi avanti per primo.
Il link al video su You Tube (dal servizio di Studio Aperto): Video

Fonte: Ansa (www.ansa.it)

Commenti

Commenta Studenti palpeggiano una insegnante di matematica..
Utilizza FaceBook.