Scuola

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Tema sulla violenza sulle donne e femminicidio

TEMA SULLA VIOLENZA SULLE DONNE E FEMMINICIDIO-Ti serve un aiuto per un tema da fare sul femminicidio e la violenza sulle donne, perché per la prima prova di maturità pensi che tra le tracce del Miur ci possa essere anche un tema di attualità su questo argomento? Perfetto: per tua fortuna alla Maturità 2016 Studentville non ti lascia solo ad affrontare l'Esame di Stato: prendi spunto da questo tema che abbiamo svolto per te. Iniziamo subito col dire che il 25 Novembre è la giornata dedicata alla violenza sulle donne, un modo plateale per dire basta ai soprusi e ai  maltrattamenti verso il genere femminile e per fare in modo che si parli di femminicidio non solo quando ormai è troppo tardi. Negli ultimi anni l’argomento è stato al centro dell'attenzione a causa delle numerose violenze subite da donne, mogli, fidanzate, madri, che non hanno potuto contenere e arginare la brutalità di loro compagni, ex mariti, padri. È infatti un tema molto attuale quello del femminicido e, in caso tu debba svolgere un tema o un saggio breve, è molto importante che ti ricordi di aggiungere un paio di riflessioni personali oltre agli spunti che ti fornaimo noi nella traccia svolta che trovi qui sotto.

Non perderti la nostra guida dettagliata su Come scrivere un tema


 

TEMA  SULLA VIOLENZA SULLE DONNE E FEMMINICIDIO: INTRODUZIONE - Per prima cosa pensiamo all’introduzione, breve ma efficace in cui puoi spiegare che cos' è il femminicidio. Il femminicidio è un termine usato per identificare una violenza di genere che ha come oggetto le donne ed è considerato un crimine brutale, solo da poco tempo identificato come una vera e propria violazione dei diritti umani. Si tratta di un'aberrazione che finalmente sta venendo alla luce dato che sempre più spesso telegiornali e trasmissioni televisive danno spazio a casi di donne che non hanno saputo o potuto difendersi e che hanno perso la vita  per mano di una persona a loro familiare.

TEMA SULLA VIOLENZA SULLE DONNE E FEMMINICIDIO: SVOLGIMENTO - Per lo svolgimento, invece, ti consigliamo di analizzare qualche dato, Ogni tre giorni, in Italia, una donna viene uccisa da un marito, un fidanzato, da un compagno o ex compagno di vita. La domanda sorge spontanea anche se la risposta spesso ci lascia attoniti: perché un uomo arriva ad ammazzare la sua compagna, la madre dei suoi figli, accecato dall’ira, dalla rabbia o dalla gelosia? Come può un uomo che ha amato spingersi così oltre? Per quanto banale, la risposta più semplice sembrerebbe essere anche la più efficace: da un lato c’è la forte insicurezza, la paura della perdita e dell’abbandono da parte di un uomo che non si fa fatica a definire debole, dall’altro c’è l’impotenza, lo smarrimento, la sottomissione di una donna che non riesce a trovare il coraggio di ribellarsi. Cosa che però sembra più facile dirsi che farsi perché possiamo immaginare che in un contesto di continue violenze, subentrino meccanismi di sopravvivenza e sottomissione che è difficile delineare dal di fuori. Se penso ad una violenza così brutale da sfociare in un crimine vero e proprio, penso ad una donna che ha sognato l’amore e che si ritrova a subire umiliazioni e dolori tra le mura della propria casa, in luoghi familiari dove dovrebbe invece sentirsi protetta. Protetta soprattutto da colui a cui ha legato la propria vita. Immagino che magari si possa credere di poterne uscire da sole, ma non credo sia possibile. Oggi esistono molti centri di supporto psicologico per le donne che hanno subito maltrattamenti, che hanno denunciato e che si sono salvate da un terribile destino. Immagino che ci si debba sentire spezzate, ferite, alienate, spiazzate, ma questo non deve in alcun modo avere il sopravvento. Eppure sono moltissime le donne che periscono per mano di coloro che dicevano di amarle e questo mi spiazza al punto da lasciarmi quasi incredula. Da donna cerco di mettermi nei panni di un uomo che si rifugia nella violenza, in una esistenza di dolore e rabbia, ma davvero non posso ammettere che una persona pensi di possedere un’altra, che possa pensare che quella donna non possa vivere e respirare anche senza la sua presenza, e in questi casi, diciamolo, forse sarebbe vita con la maiuscola senza una persona negativa come questa!

TEMA SVOLTO SULLA VIOLENZA SULLE DONNE E FEMMINICIDIO: CONCLUSIONE - Infine, per concludere il tuo tema sulla violenza sulle donne ti consigliamo di approfondire il tuo punto di vista dando ulteriore spazio alle tue riflessioni, magari provando a ipotizzare una via percorribile per migliorare la situazione. Come ci si libera di un uomo violento, come si può evitare di morire a causa di un uomo impaurito, insicuro, debole? Metterlo nero su bianco mi fa riflettere: non è facile. Basterebbe amor proprio, fiducia nelle istituzioni, coraggio, ma sfido chiunque a subire tali violenze e a trovare la forza per uscirne. Ci sono numerosi casi di femminicidio nel mondo e ogni donna ha la sua personalissima storia. Generalizzare forse è scontato, ma in minima parte, forse banalmente, credo che l’unica via di uscita sia cercare ad ogni consto di riconquistare la propria dignità, lottare per il proprio futuro e non arrendersi a chi vuole vedere una donna consumata e infelice.

TEMA SULLA VIOLENZA SULLE DONNE E SUL FEMMINICIDIO: TRACCE SVOLTE PER IL TEMA DI ITALIANO.  Se sei interessato all'argomento e vuoi approfondire questa attuale tematica per svolgere un tema o per trovare altri spunti, oppure hai bisogno di un altro punto di vista per ampliare le tue riflessioni, ti consigliamo alcuni link utili:

TEMA SULLA VIOLENZA: Se dovesse servirti un tema sulla violenza, eccone uno già svolto da cui prendere spunto:

TEMI SVOLTI: TUTTO PER I COMPITI- Hai bisogno di altri temi svolti? Nessun probelma, basta cliccare i link giusti:

MATURITA’ 2016: TUTTO PER SVOLGERE LE TRACCE! Hai ancora bisogno d'aiuto per l'Esame di Stato? Allora non ti resta che scegliere la guida alle tracce più adatta a te!

Commenti

Commenta Tema sulla violenza sulle donne e femminicidio.
Utilizza FaceBook.