Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

5 cose di Settimo Cielo che ancora ci fanno saltare i nervi

5 COSE DI SETTIMO CIELO CHE ANCORA CI FANNO SALTARE I NERVI. Settimo Cielo: cosa vi infastidisce ancora di personaggi ed episodi di questa serie TV? Al giorno d'oggi sembra non esserci argomento che per quanto scottante, non sia stato oggetto di una serie tv: Masters of Sex parla di ricerche sulla sessualità, Jessica Jones affrontava più o meno direttamente l'esperienza di uno stupro e di abusi, la prima stagione di True Detective era una piccola ode al pessimismo assoluto antinatalista, Hannibal metteva in scena le peggiori nefandezze mai viste su piccolo schermo, e ci sarebbero molti altri esempi del genere. C'è però una serie tv che ha fatto della chiusura retrograda e del conservatorismo assoluto il proprio cavallo di battaglia, e parliamo ovviamente di Settimo Cielo, il telefilm incentrato sul reverendo Camden e la sua numerosa famiglia perfetta (che ovviamente tanto perfetta non è). Pastore protestante dai lombi infuocati, saranno in tutto sette i figli, Eric Camden è uno dei personaggi più irritanti della storia della televisione, e la sua influenza sui figli è decisamente deleteria.

Se cerchi una bella serie TV leggi: Come trovare una bella serie tv da vedere

settimo cielo cose che ancora ci fanno saltare i nervi

SETTIMO CIELO: LE COSE CHE ANCORA CI IRRITANO DI EPISODI E PERSONAGGI. Vediamo insieme cosa ci fa ancora arrabbiare ripensando a Settimo Cielo.

  • 1 – L'episodio sulla marijuana: ok, il reverendo trova uno spinello fuori dalla porta di casa, e naturalmente parte lo psicodramma. Viene indetta una riunione di famiglia per trovare il colpevole, responsabile di aver “portato la droga nella nostra famiglia”. I toni sono molto accesi, e si può anche capire il motivo, ma il modo in cui il padre tratta il figlio maggiore, che si fa avanti confessando il delitto, è degno della Santa Inquisizione più che di una normale ramanzina.
  • 2 – Le prime mestruazioni di Lucy: per quanto sia da lodare il fatto che in famiglia si parli di sessualità (anche se bisognerebbe approfondire poi come se ne discute), ci lascia tra l'imbarazzato e il disgustato il modo in cui le sorelle di Lucy ne festeggino emozionate il primo ciclo. Il peggio arriva quando l'ormai adolescente deve dare la notizia al padre, con tanto di abbraccio finale e voce rotta. In tutto ciò la madre che fine avrà fatto?
  • 3 – Il dito medio del demonio: Simon è un po' il peso morto della famiglia, ma anche lui quando vuole sa mettersi nei guai con il Signore. In questo caso nel bel mezzo di un normale ritrovo tra amici, tra qualche pacca sulle spalle, un rutto fraterno e dei rumori con le braccia, ecco arrivare il gesto satanico del dito medio, addirittura immortalato in slow motion, per meglio enfatizzare la drammaticità dell'azione. Chiaramente non possono mancare le facce sconvolte e deluse della madre e della sorella Ruthie, che mai si sarebbero aspettate questo da Simon...
  • 4 – Pistole, videogame e violenza: l'ex fidanzato della ragazza di Simon sbrocca all'improvviso e lo minaccia con una pistola. Ci finirà di mezzo il reverendo, colpito da un proiettile in una scena alquanto ridicola. La cosa davvero irritante dell'episodio, però, è il modo in cui si collega la storia a quella di Ruthie, che si appassiona a un videogioco violento, con grande disappunto dei genitori, spaventati dal fatto che possa perdere il contatto con la realtà.
  • 5 – Guerra all'hip hop: quando la famiglia scopre che Simon ha iniziato ad ascoltare rap ecco arrivare all'improvviso la cavallerie ermeneutica e semiologica. Chiaramente la musica hip hop diventa veicolo automatico dei peggiori messaggi misogini – pur presenti – e portare i pantaloni a vita bassa, all'altezza del sedere, si trasforma nell segno di appartenenza a qualche pericolosa banda criminale.

Sei ancora traumatizzato ma non vuoi rinunciare alle serie TV? Non perderti tutte le novità del Catalogo Netflix

(Foto: Courtesy of Paramount)

Commenti

Commenta 5 cose di Settimo Cielo che ancora ci fanno saltare i nervi.
Utilizza FaceBook.