Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Martina O.

Benvenuti al Nord!

LA  TRAMA - Bisio&Co fanno di nuovo centro. Dopo le avventure del direttore d’ufficio che lascia il freddo nord per avventurarsi nel piccolo borgo della Campania assolato e baciato dal mare, la storia si ripete al contrario. Mattia, postino meridionale in cerca di una maturità che non arriva, lascia Castel Abbate per trasferirsi a Milano. Sposino novello appena diventato papà, non è affatto felice del trasferimento coatto nel grigio capoluogo lombardo, ma la sua Maria, di cui è perdutamente innamorato, non gli lascia altra scelta. Messo di fronte alle sue responsabilità deve accettare l’allontanamento dal suo amato paese, per affrontare la sfida di diventare una persona responsabile e capace di dimostrarlo alla sua donna. L’amico direttore lo coinvolge suo malgrado nel progetto E.R.P.E.S., un’avventura professionale ai limiti della tollerabilità umana: efficienza forzata e cortesia del servizio dai toni grotteschi, per soddisfare le brame di potere di un manager paranoico.

OLTRE LE RISATE - Equivoci esilaranti e un pizzico di romanticismo, per sfatare i pregiudizi del campanilismo all’italiana. Nonostante le differenze evidenti i due mondi del nord e del sud trovano la stessa ispirazione nei problemi veri della vita, tra lavoro da amare e amore per cui impegnarsi. Ma su tutti è l’amicizia che vince e assicura il lieto fine a una storia divertente e spassionata, in cui il tradimento non è contemplato e l’umanità sembra mossa dai migliori sentimenti, per scoprire ancora una volta che le differenze non sempre dividono. Ma spesso uniscono e arricchiscono le relazioni fino a renderle indimenticabili. Un tributo fortunato alla gente che sa trovarsi nonostante le origini, un omaggio alla preziosa ricchezza della diversità tutta italiana.

Commenti

Commenta Benvenuti al Nord!.
Utilizza FaceBook.