Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Cartoni animati anni '80 da rivedere assolutamente

CARTONI ANIMATI ANNI '80 DA RIVEDERE ASSOLUTAMENTE. Anni '80, un pomeriggio qualunque di un bambino qualunque in una città italiana qualunque: dopo l'abbondante pranzo a casa della nonna, qualche gioco insieme al nonno, un pisolino veloce e magari persino un accenno di compiti, ecco arrivare il momento tanto atteso, quello dei cartoni animati, i magnifici cartoni animati anni '80, accompagnati da una sfilza di merendine, che decenni dopo sarebbero state giudicate poco meno che velenose, ecco sfilare sotto gli occhi del bambino gli eroi incontrastati della sua infanzia: sono orfanelle, ladri gentiluomini, pallavoliste masochiste, combattenti per l'umanità, robot giganti, ragazzi e ragazze dai poteri magici, e molti altri ancora.

Quali sono invece i cartoni che abbiamo dimenticato? Leggi qui: Cartoni animati anni '80: quelli che avete dimenticato

cartoni animati anni 80 da rivedere

CARTONI ANIMATI ANNI '80: QUELLI DA RIVEDERE. Chi ha trascorso quegli anni in compagnia dei primi cartoni animati ad arrivare in Italia ricorda certi momenti versando qualche lacrima silenziosa, mentre coloro che li hanno persi per ragioni anagrafiche dovrebbero se non altro recuperare i capolavori di quel periodo per farsi una cultura degna di questo nome.
Ed ecco perché abbiamo pensato di stilare una breve lista dei migliori cartoni animati anni '80 da rivedere assolutamente.

  • Occhi di gatto (1985): fonte di squilibri ormonali ancora semi-incomprensibili per tanti piccoli adolescenti, le tre sorelle ladre protagoniste della serie figuravano anche tra i personaggi preferiti delle ragazze. Furti impossibili e qualche occhiolino sentimentale, più abili scene di seduzione, rendevano il cartone un appuntamento fisso in grado di unire le due metà del cielo.
  • L'uomo tigre, il campione (1982): con ben dieci anni di ritardo rispetto alla messa in onda giapponese arrivava in Italia uno dei più grandi eroi di sempre dell'infanzia, il valoroso Uomo tigre. Il wrestler che combatteva per gli orfani a suon di german supplex e doppi calci volanti divenne l'ago della bilancia morale per tanti bambini che si scaraventavano sui loro coetanei con la scusa di dover sconfiggere i terribili emissari della Tana delle Tigri, l'associazione che voleva uccidere l'eroe.
  • Ken il guerriero (1984): prima o poi tutti i piccoli spettatori di questo anime hanno tentato di far esplodere la testa dei propri genitori apponendo un dito sulla loro fronte, ricevendo in cambio dei potenti scapaccioni. Ma come si poteva sfuggire alla tentazione quando i violentissimi – e quindi godibilissimi – episodi del cartone mostravano senza tregua una serie di combattimenti in cui le mosse segrete si avvicendavano senza tregua?
  • Lady Oscar (1982): paladina della regina alle corte di Francia, e poi combattente al fianco del popolo durante la Rivoluzione, Lady Oscar in realtà è stata soprattutto un modello per tante ragazzine che hanno visto in lei una donna tosta e determinata come poche altre in televisione. E tra un duello a colpi di sciabola e qualche sguardo focoso di troppo anche i maschietti si appassionavano velocemente al cartone che la vedeva protagonista.
  • Holly e Benji, due fuoriclasse (1986): sarebbe stato criminale non citare il cartone animato che ha sedotto migliaia di bambini convincendoli della bellezza del calcio, almeno fino al momento in cui questi si sarebbero posti qualche domanda circa le stranissime leggi fisiche che governavano lo svolgimento delle partite. Eppure tutti prima o poi hanno tentato di replicare il prodigioso tiro della tigre di Mark Lenders, vero beniamino segreto della serie.
  • Candy Candy (1980): orfanelle sconsolate, amori impossibili, melodrammi fiammeggianti e qualche malinteso malizioso. Quando i giapponesi si mettono in testa di rifare a modo loro il feuilleton francese non ce n'è per nessuno e la storia della piccola Candy e di tutte le sue innumerevoli sfortune è decisamente un prodotto di punta di questo sottogenere.
  • È quasi magia Johnny (1989): tardi anni Ottanta, ma questa era un titolo che non potevamo lasciare fuori dalla lista. Soprattutto perché rivederlo oggi, quando sono disponibili gli episodi originali privi di censure, ci farà capire meglio i tesissimi rapporti sentimentali tra l'indeciso Johnny, la misteriosa e affascinante Sabrina e la mascolina ed estroversa Tinetta. Perché dagli episodi andati in onda in quei pomeriggi infantili non è che ci abbiamo capito un granché.
     

CARTONI ANIMATI ANNI '80 E '90: Hai nostalgia dei cartoni animati che guardavi da piccolo? Ricorda insieme a noi quei bellissimi momenti:

(Foto: Candy Candy, courtesy of Toei Animation)

Commenti

Commenta Cartoni animati anni '80 da rivedere assolutamente.
Utilizza FaceBook.