Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Intervista esclusiva a Laura Chiatti

Dopo lo straordinario successo di “Ho voglia di te” torna sul grande schermo Laura Chiatti, la Gin di cui Step Scamarcio si innamora perdutamente nella seconda opera, in ordine cronologico, tratta dai romanzi di Federico Moccia. La splendida attrice umbra, apprezzata anche in pellicole come “L’amico di famiglia” e “A casa nostra”, sarà una delle protagoniste di “Il mattino ha l’oro in bocca”, film in uscita il prossimo 29 febbraio, ispirato dal libro “Il giocatore” di Marco Baldini, in cui la vedremo al fianco di Martina Stella e Elio Germano.

StudentVille.it ha incontrato Laura, per conoscere qualcosa in più della sua vita personale, della sua scalata verso il successo, dagli esordi ad oggi.

 - La tua carriera è in forte ascesa, oltre che in Italia sei molto apprezzata anche in Francia, dove ti hanno più volte accostata a Brigitte Bardot. Agli inizi credevi di poter arrivare così in alto? Sinceramente no. Faccio questo lavoro da quando avevo 15 anni, abituata alla solita routine poi tutt’ad un tratto mi son ritrovata su una passerella importante come quella di Cannes con un film in concorso e per lo più con un regista come Paolo Sorrentino! Pensavo fosse un sogno ma per fortuna era tutto vero!
- Non tutti sanno che la tua prima passione non è stata la recitazione ma il canto, e che hai inciso anche due dischi in inglese. Hai definitivamente accantonato questa strada? Cantare è una passione che continuo a coltivare ma diciamo a livello privato. Canto con i miei amici al bar, sotto la doccia e quando sono fortunata anche sul set come nel caso della fiction su Rino Gaetano.
- Parlaci di “Il mattino ha l’oro in bocca”, il film con il quale ti vedremo sui grandi schermi a fine mese. E’ una storia tratta da un libro autobiografico, ispirata a vicende realmente accadute. Il film è tratto dal libro di Marco Baldini “Il giocatore” e racconta la storia della sua vita, il rapporto con il gioco d’azzardo e in modo particolare con le scommesse, i debiti di gioco, gli strozzini. E’ anche un film che parla dei problemi che un giovane speaker deve affrontare per fare un lavoro un po’ “diverso” da come i genitori se lo aspettano. Si raccontano i primi tempi di Baldini a Radio Deejay, il suo incontro con Fiorello e il suo incontro con Cristiana (interpretato da me) che lo aiuta ad affrontare questo periodo particolare della sua vita.
- Nel cast troviamo, oltre a te, altri due giovani di sicuro talento come Elio Germano e Martina Stella. E’ un momento florido per la nuova generazione di attori italiani. Per fortuna in Italia in questo momento abbiamo dei grandissimi talenti sia come attori che come registi e questo è evidenziato anche dall’aumento di incassi ottenuto dal nostro cinema.
- Cosa deve avere un copione per stuzzicarti, per farti decidere se accettare o meno una parte? Deve avere una storia particolare, non banale e preferibilmente tratta da cose realmente accadute.
- Ti senti più a tuo agio nel girare commedie o ruoli drammatici?La prima volta che incontrai Sorrentino mi disse “Hai il dramma negli occhi” e da allora ho sempre interpretato ruoli particolarmente drammatici anche se non ti nascondo che sarei molto allettata dall’idea di interpretare un personaggio comico… magari un film con Verdone!
- Qual è il personaggio che hai interpretato in cui più ti riconosci o a cui sei rimasta maggiormente legata? Tutti i miei personaggi ha molto di me, forse quello a cui sono più legata è quello di Rosalba (L’amico di famiglia) un po’ perché mi ha permesso di farmi conoscere come attrice “impegnata” e un po’ perché è un personaggio angelico e diabolico allo stesso tempo, pieno di sfaccettature… come dire mi rappresenta molto!
- C’è qualche attrice dalla quale cerchi di trarre ispirazione o alla quale hai provato a rubare qualche segreto lavorandoci insieme? Sono stata molto fortunata fin’ora perché ho lavorato con attori bravissimi, anche se il mio idolo resta sempre Valeria Golino. Da grande vorrei essere come lei!
- Progetti professionali per il futuro? Ad agosto inizierò le riprese del nuovo film di Alessandro Piva, sulla trama non posso ancora rivelare nulla. Ci sono altri due progetti in ballo ma per scaramanzia meglio non parlarne!
- Si è parlato a lungo di una tua possibile presenza a Sanremo al fianco di Pippo Baudo. Erano solo voci o c’è stata davvero la possibilità di vederti sul palco dell’Ariston? Si è vero c’è stato un interesse ma alla fine ho preferito non accettare perché non mi sento abbastanza pronta per un’esperienza importante come quella di Sanremo. Fra qualche anno magari, se ancora mi vorranno!
- Come spieghi l’incredibile successo nei giovani, che ha toccato anche te in prima persona ai tempi di “Ho voglia di te”, dei film ispirati ai romanzi di Moccia e dei gesti eclatanti, come i lucchetti o le scritte d’amore sui muri? È bello parlare di storie d’amore di ragazzi nei film. È un tema che interessa i giovani perché lo vivono ma anche gli adulti perché li riporta indietro nel tempo dei ricordi.
- Il nostro è un sito che si rivolge principalmente a un pubblico giovane. Che ricordo hai tu della scuola, del liceo? Diciamo che non ero una studentessa modello, non amavo molto la scuola preferivo il mio lavoro. Ripensandoci forse ho sbagliato ma quando hai 15 anni pensi che siano altre le cose importanti nella vita!
- Secondo voci il tuo attuale fidanzato Francesco Arca si sarebbe tatuato il tuo nome sulla schiena per festeggiare i sei mesi di fidanzamento. Sei felice in questo momento? Sono molto felice in questo momento.
 
Simone Gambino

Commenti

Commenta Intervista esclusiva a Laura Chiatti.
Utilizza FaceBook.