Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Legion: tutto sulla serie TV sugli X-Men che sarà il Breaking Bad dei supereroi

SERIE TV SUI SPEREROI: LEGION. Non è soltanto il cinema a essere invaso dai supereroi, come si sarà accorto anche il più distratto dei telespettatori. Tra Flash, Arrow, Agent Carter, Agents of Shield, Supergirl, Daredevil e Jessica Jones (per non citarli proprio tutti), il tubo catodico e i suoi derivati si dividono equamente tra produzioni che recano il marchio Marvel o DC Comics.
Il rischio bulimia è dietro l'angolo, eppure non possiamo che essere curiosi e puntare i nostri occhi su un nuovo arrivo da tenere d’occhio: Legion, la nuova serie TV sui supereroi incentrata su uno dei personaggi meno conosciuti del vastissimo universo degli X-Men.

Da non perdere: Film superereoi 2016: i migliori

SERIE TV DA VEDERE: LEGION. Il progetto fa parte della scuderia del canale statunitense FX – già responsabile di alcuni fortunati serial come Louie, Fargo, The Americans e American Horror Story – che ha deciso di gettarsi nella mischia delle serie TV di supereroi coinvolgendo il produttore Simon Kinberg. Il protagonista è, appunto, Legion, antieroe creato nel 1985 da uno degli scrittori storici dei fumetti con protagonisti i mutanti, Chris Claremont. Il personaggio nasce dall'unione dello storico professor Charles Xavier, il fondatore del gruppo, e Gabrielle Haller, una reduce dell'Olocausto risvegliata dalla catalessi in cui era caduta grazie ai poteri del suo benefattore.
David Charles Haller, questo il nome dell'antieroe conosciuto con il nome di Legion, non è mai stato riconosciuto da Xavier in quanto la madre non lo ha mai informato della gravidanza. Una circostanza sfortunata per il ragazzo che avrebbe potuto imparare tanto da suo padre. Legion infatti è l'unico sopravvissuto di un attacco terroristico, avvenuto quando era ancora un ragazzo e dal quale si è salvato incenerendo le menti degli assalitori. Caduto in coma per lo sforzo, al suo risveglio scopre di essere afflitto da un disturbo di personalità multipla: ha assorbito tutte le personalità dei terroristi, ognuna delle quali controlla uno dei diversi poteri psichici che si sono manifestati in quella circostanza.

SERIE TV SUI SUPEREROI: LA TRAMA DI LEGION. Una storia interessante, quella di Legion, che si presta a molteplici sviluppi affidati dal produttore Kinberg allo showrunner Noah Hawley, che si è fatto conoscere grazie all'ottimo lavoro svolto con la prima stagione di Fargo (la seconda è attualmente in trasmissione negli Stati Uniti). Nella versione televisiva David Haller sarà un uomo cui è stata diagnosticata la schizofrenia e che durante tutta la sua vita è entrato e uscito tante di quelle volte dagli ospedali da aver perso il conto. Un giorno però un paziente di una struttura sanitaria lo pone dinanzi alla prospettiva che le voci e le visioni che affollano la sua mente potrebbero essere reali e non solo frutto della sua immaginazione, cambiando per sempre la sua esistenza. Le riprese della prima stagione della serie tv inizieranno presumibilmente verso l'inizio dell'anno prossimo per un numero di episodi che si aggira tra i 10 e i 13 (ci troviamo ancora in fase di sceneggiatura).

LEGION: ECCO IL BREAKING BAD DEI SUPEREROI. Kinberg ha dichiarato che rispetto a quanto visto e si vedrà dell'universo degli X-Men al cinema o in televisione Legion tenderà ad avere un tono proprio, slegato dal dramma corale degli X-Men e dall'ironia irriverente e metatestuale di Deadpool, azzardando un paragone decisamente pericoloso con un capolavoro della serialità come Breaking Bad. Il riferimento è probabilmente alla dose di ambiguità morale che dovrebbe legare i due protagonisti Walter White e David Heller, questi in quanto controllato da differenti personalità in contrasto tra loro: vedremo se effettivamente il legame verrà mantenuto anche per la qualità del prodotto del finale.

(Foto: Breaking Bad, Courtesy of AMC)

Commenti

Commenta Legion: tutto sulla serie TV sugli X-Men che sarà il Breaking Bad dei supereroi.
Utilizza FaceBook.