Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Serie TV da vedere per imparare ad amare i telefilm

SERIE TV DA VEDERE PER IMPARARE AD AMARE I TELEFILM

Nella mania che è scoppiata per le Serie TV e la conseguente ondata di nuovi prodotti in televisione, sul satellite e in streaming sul web ci si è dimenticati – come spesso accade – di tutti coloro che cordialmente detestano la narrazione seriale.
Non tutti sono disposti a freddo a investire ore e ore della propria vita per qualcosa nei cui confronti nutrono diffidenza e non basta la rassicurazione classica: “Vedrai, ti piacerà, guarda almeno 2-3 episodi” per convincere i più testardi.
D'altro canto quella forma di assuefazione leggera provocata dalle serie tv non è cosa da tutti, così come non tutti sono disposti a fumare o a provare alcolici.
A differenza di queste dipendenze, però, guardare una serie tv non è rischioso…a meno che non si incappi in un telefilm davvero davvero brutto!

Per scegliere bene leggi i nostri consigli: Come trovare una bella serie TV da vedere

Serie TV da vedere per imparare ad amare i telefilm

UNA BELLA SERIE TV DA VEDERE E’ PER SEMPRE: PROVARE PER CREDERE

Ecco perché abbiamo pensato di stilare una lista con le serie tv da vedere per imparare ad amare i telefilm: se non vi piacciono neanche queste potete davvero gettare la spugna. Consapevoli di averci provato.

  • Lost (2004 – 2010, ABC): è forse dagli innumerevoli misteri di Lost che è iniziata l'ossessione dei media per le serie tv. Il telefilm creato da J. J. Abrams e Damon Lindelof ha infatti calamitato l'attenzione di milioni di spettatori che per risolvere i tanti enigmi della serie – tra isole deserte, orsi polari ai tropici, mostri di fumo, flashback e flashforward – si sono dati alle interpretazioni più certosine. Per non parlare dell'attaccamento ai personaggi principali, cui capitano davvero ogni tipo di disavventure.
     
  • How I Met Your Mother (2005 – 2014, CBS): sul versante più leggero questa sit-com è il banco di prova per ogni scettico. Ted, Robin, Barney, Marshall e Lily sono infatti il gruppetto di amici che tutti vorrebbero avere: divertenti e attenti l'uno all'altro, continuano a farsi scherzi micidiali all'insegna di una loro personale mitologia, mentre affrontano le conseguenze di una maturità che sta per arrivare. Se dopo un paio di puntate non si è catturati dai tormentoni della serie allora c'è da perdere ogni speranza.
     
  • Breaking Bad (2008 – 2013, AMC): un professore di chimica cui viene diagnostico un cancro terminale decide di usare le proprie abilità per entrare nel business del traffico di droga sintetico e lasciare qualcosa alla famiglia. Il bello della serie di Vince Gilligan però non sta nella storia, quanto nelle innumerevoli trovate di sceneggiatura e regia, nei dialoghi profondi e brillanti e nell'evoluzione di un personaggio memorabile che scopre e coltiva un lato di se stesso che non aveva mai sospettato di avere.
     
  • Scrubs (2001 – 2010, NBC – ABC): se invece amate la commedia speziata con qualche punta di dramma ecco la serie che ha fatto impazzire tanti spettatori. Seguiamo infatti la crescita di un gruppo di giovani infermieri e medici di un ospedale: nonostante questi siano del tutto fuori di testa non mancano gli episodi in cui i toni si smorzano ed emergono le vicende dei pazienti che hanno in cura, con effetto lacrimuccia assicurato.
     
  • 24 (2001 – 2014, Fox): cos'è che riesce a tenere attaccati allo schermo milioni di persone? I colpi di scena e il desiderio di sapere come va a finire una storia avvincente, ovvero i punti di forza di questo telefilm in cui seguiamo Jack Bauer, leggendario agente dell'unità antiterrorismo di Los Angeles che ogni stagione deve affrontare una minaccia differente. Disposto a tutto per portare a termine la missione, Jack è solito compiere scelte morali molto discutibili. E non abbiamo ancora accennato alla particolarità della serie: ognuno dei 24 episodi è girato in tempo reale, costituendo un'ora della giornata infernale di Bauer e dei suoi colleghi.
     
  • True Detective (2014 – 2015, HBO): se alle serie avete sempre preferito i film per la loro capacità di creare un'atmosfera e l'abilità con cui lavorano sulle immagini allora dovreste dare un'occhiata alla prima stagione di True Detective. L'indagine misteriosa dei due agenti Rustin Cohle e Martin Hart è paragonabile ai migliori horror da grande schermo, per merito delle interpretazioni di Matthew McConaughey e Woody Harrelson, della regia di Cary Fukunaga e della storia di Nick Pizzolatto. Una sottile inquietudine si impadronisce dello spettatore che tuttavia, pur spaventato, divora senza pause gli otto episodi della stagione.


SERIE TV DA VEDERE: LE MIGLIORI. Alla fine ti abbiamo convinto? Ecco altri titoli per te:

(foto: How I Met Your Mother, courtesy of CBS)

 

Commenti

Commenta Serie TV da vedere per imparare ad amare i telefilm.
Utilizza FaceBook.