Spettacolo

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Stranger Things 2: le teorie da cui partire

STRANGER THINGS 2: LE TEORIE DA CUI PARTIRE. Sul fatto che Stranger Things sia stata la serie tv da vedere dell'estate c'è veramente poco di cui discutere: la nostalgia per gli anni '80 ha contagiato anche gli spettatori più giovani che con quel decennio non hanno avuto niente a che fare, se non indirettamente. Sappiamo già che della serie originale sul Catalogo Netflix ci sarà una seconda stagione, che arriverà nel 2017 (purtroppo una data d'uscita più precisa non è stata ancora confermata, ma si suppone si tratti ancora del periodo estivo). Ciò di cui invece i fan della creatura dei fratelli Matt e Ross Duffer stanno discutendo da molto tempo sono tutta una serie di teorie che riguardano gli aspetti più misteriosi della serie, dalla vera natura dell'Upside Down al legame misterioso che lega Eleven al mostro – Demogorgon, per passare poi ad alcuni aspetti più prosaici, come la sorte di Will e il nuovo impiego di Hopper.

Leggi tutte le indiscrezioni sulla seconda stagione: Stranger Things 2: cosa sappiamo da Netflix

Stranger Things 2 teorie

STRANGER THINGS 2: LE TEORIE SULLA SECONDA STAGIONE DELLA SERIE TV. Vediamo allora insieme quali sono le teorie più interessanti da cui partire in attesa di poter vedere Stranger Things 2.

  • Il Demogorgone quale frutto degli esperimenti su Eleven: secondo questa visione l'Upside Down non sarebbe un mondo a sé stante, parallelo e speculare al nostro e con le proprie regole, ma sarebbe il prodotto degli esperimenti mentali compiuti sulla bambina dai militari e in particolar modo della rabbia e del doloro accumulati. Si può immaginare quindi che si tratti di un universo temporaneo, prossimo al collasso se a Eleven dovesse succedere qualcosa.
  • Il Demogorgone è Eleven: nel loro scontro finale in tanti hanno notato che i due a un certo punto compiono i medesimi gesti – alzano lo stesso braccio, e scompaiono nello stesso istante – e ciò ha dato forza all'affermazione della ragazzina, ovvero “sono io il mostro”. La teoria poi è suffragata dalla miniatura del mostro di Dungeons & Dragons, a tutti gli effetti una creatura bicefala, dalla personalità sdoppiata.
  • L'Upside Down e il Demogorgone sono un parto dell'inconscio di Eleven: durante le immersioni nella vasca di deprivazione sensoriale Eleven sprofonda in un mondo oscuro, in cui la tenebra è assoluta fatto salvo per alcune apparizioni. E se quel mondo non fosse che il suo inconscio, e che quindi scaturisca tutto dai suoi sentimenti, Demogorgone incluso? In questo senso la responsabilità di Eleven sarebbe sempre indiretta, ma forse più inquietante.
  • Hopper lavora per il governo: come abbiamo visto nel finale, lo sceriffo sembra aver stretto una specie di patto del diavolo con le autorità che svolgevano gli esperimenti. Per salvare tutti, Will incluso, sembra aver promesso il proprio silenzio e quello degli altri, più la propria disponibilità a portare avanti le ricerche: in questo modo sta condannando Eleven o, come più probabile, si tratta di un modo per proteggerla standole più da vicino?
  • Will sta diventando un Demogorgone? in una delle scene più disgustose della serie vediamo un vermone venire “espulso” dal ragazzo, in evidente stato di affaticamento, nonostante sembrasse essersi ripreso dopo l'esperienza nell'Upside Down. Secondo alcune teorie Will sarebbe stato contagiato dal Demogorgone, sviluppando un rapporto simbiotico che ha fatto indebolire la barriera tra i due mondi. O forse semplicemente qualcosa sta crescendo nel suo corpo, portando alla nascita di un nuovo mostro.

Non perderti: 

Scopri anche Come trovare una bella serie TV da vedere

(Foto: courtesy Camp Hero Productions, 21 Laps Entertainment, Monkey Massacre)

Commenti

Commenta Stranger Things 2: le teorie da cui partire.
Utilizza FaceBook.