Sport

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Salvo S.

Calcio infrasettimanale: riassumiamo.

A San Siro, la partita di recupero dell'undicesima giornata di serie A tra Inter e Genoa termina 1-0 per i nerazzurri. Decide un gol del giapponese Nagatomo al 22' del secondo tempo.
Non è stata una partita esaltante, ma la cosa che più importava agli uomini di Ranieri era di continuare quanto di buono aveva fatto vedere sabato nell’anticipo contro la Fiorentina. 

Adesso, la classifica è meno brutta rispetto a qualche giornata fa. Infatti, l’Inter aggancia il Palermo a quota 20 punti e si porta al settimo posto in classifica. Chiaramente, per cercare di salvare il salvabile in una stagione molto buia, in vista della seconda fase del campionato, la squadra nerazzurra dovrà lavorare tanto per migliorare la propria graduatoria. La zona Champions dista otto lunghezze; non è una distanza incolmabile se si pensa che vi sarà un intero girone di ritorno da giocare.
Tutto diventerebbe più semplice se si riuscisse a dare continuità ai risultati, proponendo delle trame da gioco apprezzabili e se presto ritornassero al gol due grandi come Milito e Pazzini. L’Inter ha tutte le carte in regola per azzerare il divario che, al momento, divide i nerazzurri dalla quarta in classifica.

Al Renzo Barbera di Palermo, ieri sera, è andata di scena la partita degli ottavi di finale tra la squadra di casa ed il Siena. Il match, certamente viziato dai tantissimi errori difensivi, termina, dopo i tempi supplementari, con un risultato a sorpresa: 4-4.
Da segnalare, per la squadra rosanero, la tripletta di Ilicic, invece,  per il  Siena, Reginaldo, autore di  una doppietta. Alla fine, ne esce fuori una partita caratterizzata dai continui capovolgimenti di fronte, grazie agli enormi spazi lasciati dalle due formazioni che si sono affrontate a viso aperto, dando vita ad una partita, tutto sommato, divertente per gli spettatori in campo e dinanzi alla tv.Dopo i calci di rigore, il punteggio termina 7-4 per il Siena che, dal dischetto non ha sbagliato nulla, a differenza del Palermo che, invece, non va a segno con  Bollino, Ilicic e Cetto. Adesso, i toscani sono ai quarti di finale di Coppa Italia, in attesa di conoscere il nome del prossimo avversario che uscirà vincente dal match tra Udinese e Chievo.

Commenti

Commenta Calcio infrasettimanale: riassumiamo..
Utilizza FaceBook.