ALTERNATIVE AL CAFFÈ PER SVEGLIARSI LO STESSO. Svegliarsi ogni giorno a una certa della mattina dovrebbe essere operazione del tutto normale, per quanto faticosa (sempre che si voglia essere accolti nel novero dei viventi). Eppure ogni giorno milioni e milioni di studenti di tutto il mondo patiscono le pene dell'inferno nel più o meno vano tentativo di lasciare le braccia di Morfeo, staccare la testa dal cuscino e divincolarsi dal legaccio delle coperte. Alla vertigine che coglie i primi malfermi passi dello studente si accompagna quello che è un vero e proprio rito mattutino, la preparazione del caffè, bevanda che tradizionalmente è associata al risveglio e al ripristino dell'attenzione. Troppo caffè nel corso della giornata fa male, ce lo indicano decine e decine di ricerche scientifiche: insonnia, alta pressione arteriosa e bruciori di stomaco sono gli effetti collaterali più diffusi. Ma esistono alternative al caffè per svegliarsi? Fortunatamente sì, per cui adesso vi elenchiamo cosa bere al posto del caffè per riuscire a svegliarsi senza effetti collaterali!

Non perderti: Studiare di notte: metodo di studio per rimanere svegli

Alternative al caff? per svegliarsi

SOSTITUTO DEL CAFFÈ PER SVEGLIARSI: COSA BERE AL POSTO DEL CAFFÈ. Scopri allora qual è l'alternativa alla caffeina più adatta alle tue esigenze e ai tuoi gusti: 

  • Ginseng: la bevanda che si ottiene dalla radice della pianta ha effetti molto simili al caffè, e in più è ricca di vitamine, contribuisce ad abbassare il grado di stanchezza percepita e a vincere lo stress. Inutile però che vi fiondiate alla macchinetta della vostra scuola o università: il caffè al ginseng comunemente in vendita è pieno di zucchero e allo stesso tempo racchiude quantità davvero minimali della radice. Meglio un tè in vendita in qualche negozio esotico, per quanto più costoso.
  • Tè verde: di solito erroneamente proposto come una versione light del tè inglese, in realtà il tè verde rappresenta un ottimo modo per fare incetta di antiossidanti e quindi mantenersi giovani, oltre a essere consigliato nelle diete per la sua capacità di bruciare grassi. Bisogna però stare attenti alla durata dell'infusione, particolarmente lunga: sotto gli 8 minuti difficilmente le proprietà delle foglie riusciranno a essere “passate”alla vostra bevanda.
  • Tè Chai, noto anche come Masala chai: chiunque sia stato in India avrà avuto modo di assaggiare questo tè, solitamente servito con latte, dato che viene proposto con una certa insistenza a tutti i visitatori. Tra i vari ingredienti che compongono la miscela di spezie troviamo lo zenzero, i semi di cardamomo verdi, anice, cannella, semi di finocchio, pepe e chiodi di garofano. Noto per le sue proprietà depurative e antinfiammatorie, il chai è una vera e propria bomba di energia.
  • Mate: bevanda molto usata in Sudamerica, e in particolare in Argentina, Paraguay, Uruguay e Brasile, può essere consumata fredda o calda a seconda della stagione. Ricca di sali minerali, l'infusione a base di yerba Mate, può essere un ottimo sostituto del caffè, nonostante abbia valore leggermente inferiori di caffeina. Da consumare versandola con il tradizionale e stilosissimo zuccotto e da sorbire con l'apposita cannuccia di metallo detta bombilla.
  • Tè matcha: molto diffuso in Giappone, è una versione particolare del tè verde ricca di antiossidanti che contiene sia teina che caffeina, e che si contraddistingue per il colore verde molto acceso, e per questo a volte viene usato anche come colorante naturale. In molti affermano che il gusto sia simile a quello dell'henné, spesso e volentieri usato per tatuaggi e tinture di capelli.

Scopri anche: