DIMMI CHE MERENDA FAI E TI DIRÒ CHI SEI. Uno dei luoghi comuni che hanno segnato la nostra infanzia è senz'altro quello relativo alla supremazia della colazione quale pasto più importante della giornata. Potremmo anche dirci d'accordo senza polemica, ma non capiamo come mai i nutrizionisti si dimentichino sempre di menzionare la colazione come un appuntamento alimentare altrettanto rilevante. Lo sanno bene i più giovani e gli studenti, che sono le categorie che più usufruiscono della pausa merenda, un momento che una volta entrati a far parte delle categoria lavorative diventa alquanto aleatorio, confuso e impalpabile.

Leggi anche: Le migliori merende per quando studi tutto il giorno

dimmi che merenda fai e ti dir? chi sei

COSA MANGI A MERENDA? I PROFILI PSICOLOGICI. Eppure la merenda è il momento topico per staccare dalla fatica quotidiana e fare quattro chiacchiere con i propri vicini (di banco o di scrivania che siano) e magari confrontare i rispettivi snack: sì, perché a seconda di quello che mangiate non è poi così difficile definire la vostra personalità.

  • Merenda salutare: chi tiene particolarmente alla propria salute si ciba di frutta, come le classiche mele, banane, arance, oppure la più “esotica” frutta secca, e innaffia il tutto – si fa per dire – con una bella e gustosa tazza di tisana o, per esagerare, di acqua, miele, limone e zenzero. Insomma, se vi ritrovate in questa descrizione sapete bene quanto possano essere insapori i vostri pomeriggi, ma d'altro canto siete convinti che questi sacrifici vi porteranno a vivere meglio e più a lungo. 
  • Merenda dolcissima: c'è chi si porta la classica merenda confezionata non proprio salutare, chi va al bar a consumare una brioche e chi ancora è così esperto da prepararsi direttamente una fetta di torta da casa. Tutti costoro non riescono a fare a meno di addentare qualcosa di dolce e possibilmente morbido, perché sanno che senza zuccheri non riuscirebbero ad arrivare al termine della giornata. Attenzione però al nervosismo da assuefazione.
  • Iperproteici: per altre persone mangiare non è altro che un modo per introdurre sostanza nutritive nel proprio corpo, che devono essere dosate con precisione maniacale. Sono i patiti della palestra, dello zumba e delle diete micidiali con le quali scolpiscono e modellano il loro corpo. La loro merenda potrebbe non essere neanche così triste se non fosse che la loro mente è già proiettata sugli esercizi svolti la mattina o con i quali si cimenteranno usciti da scuola o dall'ufficio.
  • Cibo spazzatura: patatine, ciambelle, hot dog, mini hamburger, tranci di pizza e così via. Riconoscete il patito del cibo spazzatura dall'aureola di unto che emana il suo banco o la sua scrivania. Sono sicuramente le persone più felici durante il momento della merenda, che condividono con allegria con le altre persone, con cui vorrebbero dividere la loro abbondante porzione. Peccato però per i sensi di colpa che li colpiscono a tradimento.

Che tipo di merenda facevi da bambino? Leggi qui: Merendine Vintage: quelle per cui firmeremmo una petizione