Game of Thrones: tutto sulle origini di Jon Snow

Jon Snow è uno dei personaggi principali del Trono di Spade dalla prima stagione, ma il suo ruolo di protagonista è emerso soprattutto nel corso delle ultime due stagioni: il bastardo di Ned Stark non solo è stato riportato in vita dopo essere stato ucciso dai Guardiani della Notte traditori, ma è anche stato nominato Re del Nord. Inoltre, le sue vere origini, a lui ancora sconosciute, lo rendono l’erede più legittimo al trono di spade. Mentre nel finale della sesta stagione era stato svelato chi fossero i veri genitori di Jon Snow, nell’ultima puntata della settima stagione, si è anche scoperto qualcosa di più sull’unione dei suoi genitori, oltre al vero nome del King in the North. Vi è qualcosa che non è chiaro su chi sia realmente Jon Snow? Vediamo insieme cosa abbiamo scoperto sulle sue origini (ATTENZIONE: spoiler se non siete in pari con la serie).

Leggi:

 

Il Trono di Spade: chi è Jon Snow?

Jon Snow ci viene presentato nella prima stagione come l’unico figlio bastardo di Eddard Stark, Lord di Grande Inverno. Ned Stark, sposato a Catelyn Tully, ha cinque figli legittimi: Robb, Sansa, Arya, Bran e Rickon. Jon è quasi coetaneo di Robb (all’inizio dei libri ha circa 14 anni). Viene raccontato che Ned, uomo il cui onore integerrimo è riconosciuto da tutti, tornò a Grande Inverno con un neonato (Jon appunto) avuto da un’altra donna alla fine della guerra conosciuta con il nome di Ribellione di Robert. Robert Baratheon aveva scatenato una guerra contro il Re Folle perché il primogenito del re, Rhaegar Targaryen, aveva, a sua detta, rapito e stuprato Lyanna Stark, sorella di Ned e promossa sposa di Robert. Dopo che il Re Folle fece bruciare vivi Lord Rickard Stark (padre di Ned e Lyanna) e il figlio Brandon, andati ad Approdo del Re per chiedere la liberazione di Lyanna, Ned, diventato Lord di Grande Inverno si unì a Robert per guidare gli eserciti a sud.

A Jon viene attribuito il cognome di “Snow”, tradizionalmente dato ai figli bastardi di alto lignaggio del Nord. Jon viene cresciuto come uno dei figli legittimi di Ned, nonostante Catelyn Tully mal sopporti la presenza del figlio illegittimo del marito. Inoltre, mentre tutti i figli di Catelyn e Ned (a eccezione di Arya) somigliano principalmente alla madre, Jon presenta tutti i tratti somatici degli Stark.

Potrebbe interessarti:

Il Trono di Spade: da Guardiano della Notte a Re del Nord

Jon Snow decide di arruolarsi nei Guardiani della Notte, seguendo l’esempio di suo zio Benjen Stark. In qualità di Guardiano della Notte, Jon dovrà fare giuramento di castità e servire a vita i Guardiani della Notte, protettori della Barriera, il muro ghiacciato che separa i Sette Regni dalle terre in cui abitano i Bruti (il popolo libero) e i non-morti. Dopo un periodo di difficile adattamento in quanto Jon è l’unica nuova recluta cresciuta come un Lord e abituato ai combattimenti, il ragazzo parte in una missione oltre la Barriera, dopo la scomparsa di Benjen Stark. Jon, durante un’incursione contro i Bruti, cattura Ygritte, una ragazza che non riesce a uccidere, finendo così alla fine lui stesso prigioniero di Mance Ryder, alla guida del popolo libero. Jon Snow farà finta di schierarsi dalla parte dei Bruti per smascherare i loro piani di attacco alla Barriera, ma si innamora di Ygritte, rompendo così il suo voto di castità. Alla fine, però, Jon tornerà tra i Guardiani della Notte, fino a essere proclamato Lord comandante. Visto che l’armata degli Estranei e dei non-morti si fa sempre più numerosa e pericolosa, Jon decide di permettere il passaggio dei Bruti al di qua della Barriera, decisione che scontenta molti Guardiani della Notte, il cui compito è sempre stato quello di ucciderli. Alla fine, le scelte di Jon lo porteranno alla morte: un gruppo di Corvi, guidati da Ser Allister, lo uccideranno in un agguato al termine della quinta stagione di Game of Thrones.

Il ragazzo, tuttavia, viene riportato in vita da Melisandre, la sacerdotessa rossa, grazie al Dio della luce: lasciata la sua guardia (visto che di fatto è morto e il suo giuramento è sciolto), Jon si riunisce alla sorellastra Sansa Stark e insieme marciano a sud della Barriera per riconquistare Grande Inverno, ora in mano a Ramsay Bolton. Dopo la vittoria nella Battaglia dei Bastardi, gli Stark riprendono il controllo di Grande Inverno e Jon Snow viene acclamato Re del Nord, il cui interesse primario sarà quello di trovare un’alleanza con Daenerys Targaryen (e poi anche con Cersei Lannister) per combattere la “Grande Guerra” contro gli Estranei.

Non perderti: Game of Thrones: qual è la profezia di cui parla Melisandre?

Game of Thrones: le vere origini di Jon Snow

Al termine della sesta stagione di Game of Thrones, scopriamo che Jon Snow non è in realtà figlio di Ned Stark, ma di sua sorella Lyanna e di Rhaegar Targaryen. Lyanna aveva concepito il figlio alla Torre della Gioia, a Dorne, mentre infuriava la Ribellione di Robert: mentre Rhaegar combatteva venendo ucciso nella Battaglia del Tridente, Ned Stark riesce a raggiungere la sorella che sta morendo dopo avere dato alla luce il figlio. Lyanna fa promettere al fratello di proteggere il figlio e di crescerlo come suo, cosa che Ned farà: dal momento che Robert Baratheon avrebbe ucciso qualsiasi Targaryen (figuriamoci il figlio di Rhaegar e di quella che doveva essere la sua sposa), Eddard non svelerà mai a nessuno la vera identità di Jon, né al nipote né a Catelyn.

Nella settima stagione, poi, abbiamo anche scoperto che in ogni caso Jon non è un bastardo: Rhaegar, sposato inizialmente con Elia Martell, aveva fatto annullare il suo matrimonio per potere sposare Lyanna in gran segreto. Come dice Bran, quindi, la Ribellione di Robert parte da una bugia: Rhaegar non rapì mai Lyanna, ma i due si amavano e hanno concepito Jon all’interno del loro matrimonio. Questo rende Aegon Targaryen (il vero nome di Jon Snow) l’erede più legittimo al trono di spade.

Leggi anche: Game of Thrones: le teorie più popolari sulla settima stagione

Game of Thrones: la parentela di Jon Snow e Daenerys Targaryen

Jon Snow e Daenerys Targaryen, praticamente coetanei (Dany è più piccola di un anno), si sono conosciuti nella settima stagione, arrivando a innamorarsi l’uno dell’altro. Una volta che Jon scoprirà le sue origini, tuttavia, le cose sono probabilmente destinate a cambiare: Daenerys è infatti la zia di Jon! Il padre del Re del Nord, Rhaegar, infatti, aveva due fratelli più piccoli: Viserys e Daenerys, quest’ultima nata quasi al termine della Ribellione di Robert. Mentre Rhaegar muore, Viserys e Daenerys sono mandati in esilio a Essos. Dopo la morte di Viserys, Dany si autoproclama Regina dei Sette Regni e arriva a Westeros per togliere la corona a Cersei Lannister. Tuttavia, non solo Jon e Daenerys sono imparentati, ma il primo, in teoria, avrebbe più pretese legittime di sedere sul trono di spade rispetto alla zia, in quanto figlio legittimo dell’erede al trono Targaryen: come si evolverà il loro rapporto alla scoperta di questa notizia bomba?

Non perderti i riassunti della settima stagione:

Il Trono di Spade: tutte le news

Non perderti le principali news su Game of Thrones! Consulta tutte le nostre risorse: