A partire da domani, 15 giugno 2017, chiamare, inviare sms e navigare in internet con il vostro operatore dall’estero costerà come in Italia. Il costo del roaming, come è stato stabilito dall’Unione Europea lo scorso febbraio, è stato abolito.

Alcuni operatori italiani come Tim o Wind hanno lo hanno già abolito per i propri utenti, altri, soprattutto quelli virtuali, potrebbero adeguarsi successivamente al 15 giugno. 

La normativa prevede, infatti, che gli operatori che dovessero avere perdite superiori al 3% del fatturato a causa dell’abolizione dei costi di roaming, possano chiedere la deroga di un anno.

Il provvedimento riguarda tutti i 28 paesi dell’Unione Europea, Regno Unito compreso almeno fino a quando non si concluderà il processo di uscita dall’UE.