ALBERO DI NATALE: COM’ È NATA LA TRADIZIONE?

L’albero di Natale è una tradizione diffusa, usanza a cui difficilmente si è pronti a rinunziare. Addobbare un abete con decorazioni colorate di tutti i tipi, mille lucine colorate, nastrini e l’immancabile stella cometa/puntale/angelo sulla punta è un’operazione molto sentita da tutti coloro che attendono il Natale per festeggiare insieme. Su questo non ci sono dubbi.
La domanda che ci poniamo quindi è: come è nata la tradizione dell’albero di Natale? Che significato ha e che usi e costumi ci sono alla base dell’albero natalizio? Scopriamolo insieme prima di iniziare ad abbellire le nostre case per il Natale!

Sei curiosissimo? Leggi: Albero di Natale: perché è un abete e perché si fa

Albero di natale: come nasce la tradizione

TRADIZIONE DELL’ALBERO DI NATALE: LE ORIGINI ANTICHE

Sembra stranissimo, ma alla base della tradizione dell’abero di Natale ci sono usi e tradizioni molto antichi che ritroviamo nelle testimonianze di molti popoli, anche molto diversi tra loro. L’abete, sin dall’epoca egizia è stato posto in relazione con la nascita del dio di Biblo, e dai Greci fu consacrato ad Artemide, protettrice delle nascite e sempre dai Greci era ritenuto simbolo della rinascita rappresentata dal nuovo anno.
L’abitudine di decorare alcuni alberi sempreverdi era diffusa già tra i Celti durante le celebrazioni relative al solstizio d’inverno e anche gli antichi romani, durante le Calende di Gennaio, usavano decorare le loro case con rami di pino.
I Vichinghi, popolo che abitava l’estremo nord dell’Europa, dove sappiamo che le notti invernali sono lunghe mesi, nella settimana precedente e successiva al solstizio d’inverno, invece, addobbavano alberi di abete con frutti, perché ritenevano che questo albero, che non perdeva le foglie nemmeno co gelo dell’inverno, fosse capace di auspicare il ritorno del sole grazie ai suoi poteri magici.
Infine occorre considerare che l’albero è di per sè simbolo della vita ed è diffuso in tutte le culture e in tutte le epoche, così anche con l’avvento del cristianesimo l’uso dell’albero di Natale si affermò anche nelle tradizioni cristiane: al posto dell’abete però veniva utilizzato l’agrifoglio a simboleggiare con le spine la corona di Cristo e con le bacche le gocce di sangue che escono dal suo capo. Nel corso del Medioevo per il Cristianesimo l’abete diventò simbolo di Cristo e della sua immortalità.

COME È NATA LA TRADIZIONE DELL’ ALBERO DI NATALE COME LA CONOSCIAMO

La tradizione dell’albero di Natale come lo conosciamo oggi, secondo alcuni  pare sia nata in Estonia e precisamente nella piazza del Municipio, Raekoja Plats, a Tallin, nel 1441: lo scopo era quello di riunire giovani donne e giovani uomini attorno all’albero per ballare insieme e trovare la propria anima gemella.
C’è però anche un precedente che si può rintracciare in un gioco religioso medioevale celebrato in Germania il 24 dicembre, il “gioco di Adamo e di Eva” (Adam und Eva Spiele), in cui venivano riempite le piazze e le chiese di alberi di frutta e simboli dell’abbondanza per ricreare l’immagine del Paradiso. Si preferì poi usare gli abeti al posto degli alberi da frutto perché avevano una valenza “magica” per il popolo.
In un primo momento quindi l’albero veniva posto nei luoghi simbolo della vita pubblica, mentre la tradizione dell’albero di Natale entrò nelle case nel XVII secolo ed agli inizi del secolo successivo per poi diffondersi dalla Germania in particolare, al resto del nord Europa.
L’aspetto più consumistico iniziò quando in Svizzera e Germania iniziarono a commerciare gli alberi di natale, che divennero così più popolari e diffusu.
In Italia, la prima ad addobbare un albero di Natale fu la regina Margherita nella seconda metà dell’Ottocento al Quirinale, e da lei la moda si diffuse velocemente in tutto il paese. Nel dopoguerra gli alberi di Natale hanno conquistato intere generazioni fino a diventare uno dei simboli per eccellenza delle festività natalizie!

TRADIZIONI DI NATALE: COSA SAPERE

Vuoi saperne di più sulle leggende e sulle tradizioni legate al Natale? Leggi:

ALBERI DI NATALE FAI DA TE

Ora che sai tutto, ma proprio tutto tutto quello che c’è da sapere non ti resta che fare il tuo personalissimo albero di Natale.
Se, però, ti manca la materia prima (o hai un attacco di creatività folle in corso!) non devi rinunciare, ti basterà seguire le nostre dritte:

EPIFANIA: CALZE FAI DA TE, AUGURI SPIRITOSI E CURIOSITÀ

Scopri come realizzare simpatiche calze low cost personalizzate e non perderti le curiosità su questa festa e le frasi più divertenti per augurare Buona Befana: