Tredici: dove eravamo rimasti

Thirteen reasons why è stata la serie Netflix rivelazione dell’anno. Il successo incredibile e la profondità del tema l’ha resa accessibile a grandi e piccini, tanto che nel 2018 è in arrivo la seconda stagione. La prima serie ha avuto un ritmo molto serrato, scandito dalle 13 cassette di Hannah Baker che ne raccontavano la storia. Molte polemiche sono scoppiate in seguito all’annuncio di una nuova stagione, in quanto in molti si sono chiesti come si sarebbe potuta sviluppare una nuova trama indipendente.

Leggi anche:

Tredici: un aumento di suicidi tra gli adolescenti?

L’interesse generato dallo show tratto dal romanzo scritto da Jay Asher è stato molto grande, con oltre 600.000 notizie pubblicate online dedicate alla serie e tantissime analisi su come essa aveva influenzato i più giovani. L’opinione pubblica si è infatti divisa tra chi ritiene che si mostri sotto una luce poetica gli eventi, promuovendo quindi in un certo senso il suicidio, e altre persone che apprezzano il modo in cui fa emergere e affronta delle tematiche molto complesse e drammatiche.

Tredici: la nuova stagione

Nonostante l’episodio finale abbia chiuso la vicenda dal punto di vista di Hannah, è arrivato l’annuncio di una nuova serie ma soprattutto di sette nuovi attori che entreranno a far parte del cast: Anne Winters (Tyrant1), Chelsea Alden (American Horror Story), Allison Miller (Incorporated), Samantha Logan (Melissa & Joey), Kelli O’Hara (Masters of Sex), Ben Lawson e Bryce Cass (Cruel Intentions). Alcuni di loro compariranno in diversi episodi. La trama ancora non è stata nota ma molti hanno avanzato l’ipotesi che potrebbe avere come nucleo il processo che i colpevoli del suicidio di Hannah dovranno affrontare dopo la denuncia dei genitori della ragazza.