Come funziona e Guide

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione StudentVille.it

Test Invalsi 2017: 5 cose da sapere

TEST INVALSI TERZA MEDIA 2017: 5 COSE DA SAPERE

L'Esame Terza Media 2017 è ufficialmente iniziato da qualche giorno, ma la prova più temuta dagli studenti è sempre una sola: il test Invalsi, che gli studenti affronteranno domani 15 giugno alle ore 8.30. Al contrario di quanto avviene alla scuola primaria o alle superiori, dove queste prove non fanno media, le prove Invalsi per la terza media sono materia d’esame e fanno media con gli altri scritti e l’orale. E, ciò non bastasse, il test è deciso a livello ministeriale, non tenendo conto quindi dei programmi seguiti durante l’anno dai vari insegnanti, come invece accade per la prova di italiano, matematica, inglese (e francese per chi lo studia). È importante quindi arrivare al giorno del test, preparati e consapevoli di come è strutturata la prova, quanto tempo avete a disposizione, quanto vale e come influisce sul voto finale dell’intero esame di terza media. Per questo motivo, abbiamo pensato di riassumervi le 5 cose fondamentali da sapere per superare al meglio le prove Invalsi di Terza Media!

Segui la diretta delle prove insieme a noi:

5 Cose da sapere sulle Prove INVALSI

TEST INVALSI 2017: LA STRUTTURA DELLA PROVA

Innanzitutto, è bene avere chiara la struttura del test invalsi. La prova di terza media si suddivide in due “fascicoli”: quello di italiano e quello di matematica.

Può esserti utile anche leggere: Test Invalsi 2017: prove degli anni precedenti

  • Prove Invalsi terza media italiano. Il primo test da sostenere è quello di italiano che mira a testare le conoscenze e la capacità dello studente per quanto riguarda la lingua italiana. La prova è suddivisa in due parti: la prima riguarda la comprensione di alcuni brani (a sua volta si divide in due parti composte rispettivamente da 20 e 18 domande) mentre l’altra concerne la conoscenza della grammatica (10 domande). Le risposte sono a scelta multipla o a risposta aperta.
     
  • Prova Invalsi terza media matematica. Il secondo fascicolo è composto da 26 domande e contiene quesiti sia a risposta aperta che chiusa; in alcuni casi, oltre al risultato, sarà chiesto d'inserire anche il procedimento da seguire. I quesiti riguarderanno soprattutto le seguenti materie: algebra, geometria, dati e previsioni.

TEST INVALSI TERZA MEDIA 2017: QUANTO DURA

Le due prove sono svolte nello stesso giorno: per ogni fascicolo si ha 75 minuti di tempo a disposizione. Si inizia con il fascicolo di italiano, poi, dopo una pausa di 15 minuti, sarà la volta del test di matematica.

Avete bisogno di una mano per affrontare gli Invalsi? Leggi anche Test Invalsi Terza Media: come superarli

TEST INVALSI 2017: SVOLGIMENTO

A differenza di quanto avviene nelle altre prove di Terza Media, durante il test Invalsi non è possibile usare né la calcolatrice né il dizionario. Assolutamente vietato utilizzare il bianchetto.
Potete in realtà contare anche poco sugli insegnanti: vi potranno, infatti, solo aiutare nel comprendere le tracce delle prove, ma non suggerirvi la soluzione. Potete però chiedere loro come correggere gli errori sul foglio della prova, in caso di errata crocetta o nel rispondere alle domande aperte.

TEST INVALSI 2017: COME SI CALCOLA IL VOTO

Poco dopo il termine delle prove, verranno pubblicate online le griglie di correzione delle prove, in cui sono indicate le risposte corrette di entrambe le prove. Potrete così capire come è andato più o meno il vostro test. Per quanto riguarda il calcolo del voto, dovete sapere che il punteggio massimo per ogni fascicolo corrisponde a 50 punti.
La sezione di italiano, per quanto riguarda i punti, è divisa in tre blocchi – A, B e C – in base alla difficoltà della domanda. Si può ottenere massimo 30 punti per il blocco A, massimo 16 per il B e un totale di 4 punti per il C. 50 punti totali e la divisione nei tre blocchi sono previsti anche nel fascicolo di matematica; cambiano i punteggi per ogni blocco: massimo 30 punti per l’A, massimo 14 per il B e massimo 6 per il C. Alla fine vengono sommati i punteggi delle due prove:

  • per ottenere la sufficienza dovrete totalizzare tra i 55 e i 64 punti
  • per l’8 servono invece 74-82 punti totali
  • chi riesce a fare oltre 92 si guadagnerà un bel 10.

TEST INVALSI 2017: IL VOTO FINALE D’ESAME

Sicuramente vi sarete chiesti: ma quanto influisce il test invalsi sul resto dell’esame di terza media? La risposta è semplice: al pari delle altre prove! Il voto finale, espresso in decimi, è calcolato facendo una media aritmetica tra il voto di ammissione e le cinque-sei prove d’esame (la cui media si ottiene calcolando una media aritmetica di tutti i test – italiano, matematica, lingue, invalsi e colloquio orale).
Se il voto finale risultante dalla media fosse un numero frazionato si approssimerà per eccesso o per difetto all’unità superiore. Se, ad esempio, avrete una media dello 7,6 (o comunque superiore o uguale al 7,5) si arrotonderà a 8, se invece la vostra media è del 7,4, il vostro voto finale sarà 7.

Leggi anche:

Commenti

Commenta Test Invalsi 2017: 5 cose da sapere.
Utilizza FaceBook.