COME AFFRONTARE UN COLLOQUIO DI LAVORO

Fare un colloquio di lavoro diventa spesso fonte di ansia e di sudori freddi; ma non temete, noi pensiamo a tutto e oggi vogliamo darvi qualche dritta utile su come affrontarlo e su come rispondere ad eventuali domande che vi verranno poste. Il lato positivo di un colloquio è che, dopo aver mandato il vostro curriculum vitae, siete stati ritenuti idonei ad un primo incontro conoscitivo e quindi li avete incuriositi. Il primo colloquio non si scorda mai, un po’ come accade per il primo bacio o il primo esame; è un’esperienza che vi fa gettare le basi per tutte quelle future, vi fa fare le ossa per tutto quello che vi accadrà dopo; procediamo con ordine e con calma e iniziamo col vedere come affrontarlo.

Se vuoi scoprire come fare il lavoro dei tuoi sogni, leggi anche:

COLLOQUIO DI LAVORO: CONSIGLI PER FARE BELLA FIGURA

Il lato migliore del colloquio è che vi hanno chiamato perché incuriositi dal vostro curriculum vitae quindi dovete giocarvi al meglio questa opportunità; verrete conosciuti sia dal punto di vista personale che professionale. I colloqui non sono mai uguali al 100% ma hanno delle caratteristiche in comune e, una volta scoperte, avrete la possibilità di conoscerle e non sbagliare. Ecco i nostri consigli:

  • portate con voi il vostro curriculum aggiornato
  • cercate di arrivare in anticipo, anche di 10 minuti
  • quando vi trovate nella sala d’attesa, guardatevi intorno e cercate di scrutare più informazioni possibili sull’azienda che vi ha contattati
  • mostratevi consapevoli di ciò che siete, prestando attenzione al modo in cui state seduti e a cosa leggete
  • presentatevi al recruiter con una stretta di mano decisa
  • non innervositevi
  • rimanete composti
  • non agitate le mani mentre parlate
  • guardate sempre chi avete di fronte e se sono più persone guardate tutti

Fino a qui non sembra difficile, vediamo come rispondere ad eventuali domande che vi verranno poste.

COLLOQUIO DI LAVORO: COME RISPONDERE ALLE DOMANDE

La prima domanda, di solito, è quella da cui si parte per parlare di se stessi, quindi è preferibile che vi prepariate una presentazione di tre minuti non tralasciando alcun dettaglio sulla vostra carriera, i periodi e i percorsi formativi. Ovviamente, chi vi sta ascoltando vorrebbe conoscere anche altro, come informazioni personali sulla provenienza, gli interessi e sulle vostre qualità. Le domande potrebbero essere:

  • Che cosa sa fare bene?
  • Quali sono i suoi punti deboli?
  • Che traguardi ha raggiunto?
  • Perché dovremmo scegliere lei?

Le risposte ovviamente sono soggettive, ma l’importante è non andare in panico e mostrare di avere capacità di ragionamento; mostratevi interessati all’azienda ponendo domande su di essa e sul lavoro che dovrete svolgere. Importante: al primo colloquio evitate di fare domande sulla paga!

Potrebbe interessarti:  LinkedIn: come funziona e cos’è

COME TROVARE LAVORO: CONSIGLI E INFO

Non perderti tutte le nostre guide su come trovare il lavoro che fa per te: