Diventare geometra: l’iter da seguire

State immaginando quale possa essere il lavoro della vostra vita e state pensando di diventare geometri? Oggi siamo qui a parlarvi proprio di questo e a darvi tutte le informazioni utili per intraprendere questo percorso che vi condurrà a diventare dei bravi ed affermati geometri. Il primo requisito necessario per intraprendere questa carriera è quello di possedere un diploma di geometra o di istruzione tecnica, indirizzo costruzioni, ambiente e territorio. Dopo il diploma c’è la possibilità di conseguire lauree o sostenere esami dei corsi di laurea presso le facoltà di agraria, ingegneria, architettura e scienze matematiche, fisiche e naturali purché siano inerenti alle attività professionali del geometra. Il passo successivo è l’iscrizione all’albo dei geometri, vediamo quindi i requisiti per farlo.

Da non perdere il nostro speciale: Formazione Professionale: corsi di studio e tirocini

Diventare geometra: formazione e iscrizione all’albo

L’iscrizione all’albo è collegata al superamento dell’esame di abilitazione all’esercizio della professione al quale si accede seguendo questi percorsi che sono fondamentali:

  • tirocinio della durata di 18 mesi presso studi professionali di geometra, architetto o ingegnere civile iscritti nei rispettivi albi professionali o laureati nelle classi che consentano l’accesso all’esame di stato per l’esercizio della professione di geometra
  • svolgimento di attività tecnica subordinata di almeno 18 mesi
  • frequenza con profitto di corsi di formazione professionali della durata di sei mesi
  • frequenza con esito positivo di corsi di istruzione e formazione tecnica superiore (I.F.T.S) della durata di quattro semestri
  • frequenza con esito positivo di percorsi didattico-formativi attuati dagli Istituti Tecnici Superiori (I.T.S.)
  • diplomi universitari triennali
  • lauree nelle classi 7, 17, 21 e 23 con tirocinio di sei mesi
  • lauree specialistiche nelle classi 4/S (Architettura e Ingegneria Edile) e 54/S (Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale), nonché lauree magistrali nelle classi LM-4 (Architettura e Ingegneria Edile – Architettura) e LM-48 (Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale)

I percorsi I.F.T.S. hanno l’obiettivo di formare figure professionali orientate a soddisfare le necessità che provengono dal sistema dei servizi, degli Enti locali e dei settori produttivi interessati da innovazioni tecnologiche e dalla internazionalizzazione dei mercati; gli I.T.S. sono scuole ad alta specializzazione tecnologica con lo scopo di formare tecnici superiori nelle aree tecnologiche giudicate strategiche per lo sviluppo economico e la competitività. Infine scopriamo, nello specifico, di cosa si occupa il geometra.

Non perderti: Orientamento Terza Media: istituto tecnico costruzioni, ambiente e territorio

Diventare geometra: professione

Abbiamo visto qual è la formazione di un geometra che si conclude con l’iscrizione all’albo che avviene solo seguendo i percorsi che vi abbiamo citato sopra. Ma di cosa si occupa il geometra? Quali mansioni svolge? Conseguita l’abilitazione, il geometra svolge:

  • Attività di progettazione in ambito civile, industriale e rurale
  • Gestione di cantiere in ambito Pubblico e Privato
  • Attività di rilevazione del territorio e delle strutture edilizie esistenti
  • Funzioni tecniche ed amministrative della filiera del mondo delle costruzioni
  • Attività di certificazione normativa in diversi ambiti
  • Attività amministrative del patrimonio edilizio
  • Attività di mediatore nei procedimenti di mediazione civile obbligatoria per la risoluzione delle controversie negli ambiti definiti dalla legge
  • Attività di consulenza complementare in ambito di fiscalità e tributi nelle attività edilizie e nella gestione di patrimoni immobiliari