Imprese giovanili 2017: i dati dello sprint

La crescita è sorprendente: il tessuto imprenditoriale italiano è trainato dai giovani. . Da gennaio a giungo infatti, quasi una nuova impresa su 3 (il 30,4%) è guidata da under 35 con un aumento del +6,1% rispetto al semestre precedente contro lo 0,3% del totale delle imprese.  Il saldo positivo è di 36.965 unità ed il numero delle aziende guidate da giovani con meno di 35 anni sale così a 566.268. Unioncamere-Infocamere sulla natimortalità delle imprese giovanili nel primo semestre del 2017, riporta gli incoraggianti dati.

Leggi anche:

Sprint imprese giovanili 2017: in testa il Sud

Tra le regioni la Sardegna è quella in cui, nel primo semestre 2017, ha raggiunto il record assoluto: +10,4% il saldo tra iscrizioni e cessazioni e +1.756 le imprese. Grandi risultati anche dal Trentino Alto Adige (+7,9%, +740). A livello provinciale, la fanno da padrone i giovani nuoresi (+491 imprese nel periodo gennaio-giugno 2017, per un tasso di crescita del 13,9%), seguiti dagli oristanesi (+562, +16,4%) e dai reatini (+179, +11,4%). In percentuale sul numero assoluto delle imprese, inoltre, impossibile non notare numerose aziende del Sud Italia: dalla Calabria con il 13,3% delle imprese alla Campania (12,8%) e la Sicilia (12,2%).

Imprese giovanili 2017: i settori

Complessivamente, al 30 giugno scorso era under 35 quasi una impresa italiana ogni dieci, con punte di maggior presenza nelle tlc, finanza, giochi, servizi postali e attività di corrieri. Dati incoraggianti, questi, che aprono un nuovo ventaglio di possibilità e di considerazioni sull’importanza delle giovani imprese in Italia.

Leggi anche: