Concorsi pubblici: tutto sui quiz

Abbiamo visto e rivisto tutti i concorsi pubblici che saranno banditi quest’anno, abbiamo dato un’occhiata ai concorsi non scaduti, a quelli per diplomati e a tutto l’elenco. Oggi vogliamo scendere nel vivo della situazione e cercare di scoprire insieme a voi come affrontare le prove, vediamo più o meno come possono essere organizzate le domande e cerchiamo di darvi qualche consiglio su come rispondere. Per poter vincere i concorsi dovrete studiare e mantenervi sempre aggiornati, soprattutto se le vostre prove prevedono materie di diritto che, come sapete, è in continua evoluzione. Studiate bene il diritto amministrativo, pubblico, civile e privato; esercitatevi con i quiz e cercare contenuti in rete, sul canale youtube ci sono diversi video in cui vengono riassunte le principali materie giuridiche. Procediamo per gradi senza tralasciare niente, vediamo prima le domande e poi le risposte, rimanete collegati con noi.

Non perderti il nostro speciale su come trovare il lavoro dei tuoi sogni: Formazione professionale: corsi di studio e tirocini

Quiz concorsi pubblici: le domande

Le prove scritte devono essere comunicate ai singoli candidati almeno quindici giorni prima dell’inizio delle prove stesse. Affinché ci sia totale trasparenza ed imparzialità del concorso, gli elaborati saranno corretti da specifici strumenti informatici e l’esito della prova è pubblico e consultabile liberamente sul sito dell’ente banditore o presso la sede di riferimento indicata nel bando. Il bando specifica sempre le materie oggetto delle prove scritte e orali, il contenuto di quelle pratiche, la votazione minima richiesta per l’ammissione alle prove orali; indica i titoli valutabili ed il punteggio massimo agli stessi attribuibile singolarmente e per categorie di titoli e la votazione complessiva è determinata sommando il voto conseguito nella valutazione dei titoli al voto complessivo riportato nelle prove d’esame. Le prove preselettive sono di solito organizzate sotto forma di quiz a risposta multipla su argomenti di cultura generale, sulle capacità psico-attitudinali del candidato o sulle materie indicate nel bando, superata la preselezione il candidato è ammesso alla prima prova scritta.

Leggi anche: Concorsi Pubblici 2018 non scaduti

Quiz concorsi pubblici: come rispondere

I quiz favoriscono una valutazione obiettiva e standardizzata di alcune caratteristiche e competenze richieste, il loro scopo principale è quello di stabilire il livello di un candidato in termini di capacità e abilità, oltre a delinearne i tratti principali della personalità; altri vantaggi di queste verifiche sono la trasparenza, l’imparzialità, l’attendibilità e l’efficienza dovuta alla velocità di correzione. Passiamo ai nostri pratici consigli su come rispondere:

  • Innanzitutto, leggete bene la domanda, non fatevi prendere dal panico, leggete e riflettete.
  • Cercate di capire se le risposte errate fanno maturare un punteggio negativo o se, invece, sono valutate come quelle lasciate in bianco.
  • Calcolate il rapporto fra il tempo a disposizione e il numero di item da risolvere, soffermandovi su ciascuna domanda per un tempo pari a quello medio in modo da dosare opportunamente impegno, concentrazione ed energie.
  • Tenete presente che non necessariamente i quesiti dovranno essere risolti secondo l’ordine con cui vengono proposti.
  • Applicate il principio dell’esclusione per arrivare alla risposta definitiva.

Fate molta pratica, allenatevi con i quiz e, ovviamente, studiate!

Leggi anche: Concorsi Pubblici per diplomati: quali sono