Orientamento

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione

Comunicazione pubblicitaria: uno sbocco professionale per i creativi

Quello della pubblicità è un settore che non conosce crisi. È un mondo in continua evoluzione che cambia le proprie coordinate in base allo sviluppo dei media e delle esigenze di una società dinamica e variegata come quella attuale. Per questa ragione una carriera nel mondo della pubblicità potrebbe essere l’obbiettivo ideale, da perseguire per realizzarsi nel mondo  del lavoro, per tutti  gli studenti  dotati di talento creativo e passione per la comunicazione.

Abbiamo intervistato Franco Zeri, esperto del settore e docente Ied per capire cosa significa lavorare nel mondo della comunicazione pubblicitaria, quale percorso formativo risulta ottimale per intreprendere la carriera del copywriter, dell' account e dell'art director.

1. Che tipo di professionisti forma il corso di laurea in comunicazione pubblicitaria?
I professionisti preparati dalla laurea in comunicazione pubblicitaria  sono l’Art Director, Copywriter e Account, con elementi di tecnica pubblicitaria, di pianificazione media e di marketing. L’obiettivo è formare professionisti in grado di affrontare le nuove sfide della comunicazione contemporanea come la Brand Image e il Web Advertising.

2. Si tratta di una formazione adatta ai nostri tempi?
È una formazione adeguata ai tempi, anzi proiettata nel futuro, in quanto oggi con arrivo di Internet, quarto media pubblicitario, il nostro settore si rinnovato inserendo nuovi creativi che si occupano della pubblicità online.

3. Che qualità e competenze deve possedere uno studente che decide di iscriversi?
Chi si iscrive al corso deve avere una cultura generale e una sensibilità alle immagini e al testo e alla comunicazione di prodotto e di servizio.

4. In quali ambiti professionali può trovare impiego un laureato in questa disciplina?
La figura professionale in uscita è in grado di operare all’interno di agenzie e come consulente esterno (freelance), realizzando campagne di affissione e dinamiche, spot radiotelevisivi, campagne promozionali sul punto vendita, campagne su internet con alto valore interattivo.

5. Che tipo formazione è prevista?
Durante il percorso triennale gli studenti frequentano laboratori creativi, effettuano simulazioni e si confrontano, attraverso un briefing, con progetti commissionati da aziende.


6.  È un corso adatto ai creativi? Perché?
È un corso adatto a mentalità creative ma anche chi vuole inserirsi nel mondo pubblicitario in funzioni direttive. Il motivo di questa impostazione e che nella pubblicità si lavora in gruppi di lacoro dove altre l’art ci sono il copy, l’account e media planner.

7.  In che percentuale trova impiego un laureato in comunicazione pubblicitaria?
I nostri laureati all’80 % la prima esperienza e di tipo stagistico in tutte le agenzie e aziende del settore, successivamente molti vengo inseriti nel settore, ne è la riprova che nell’agenzie ci sono molti nostri laureati.

Commenti

Commenta Comunicazione pubblicitaria: uno sbocco professionale per i creativi.
Utilizza FaceBook.