Orientamento

  • Pubblicato il:
  • Scritto da: Redazione

Esame Avvocato: come superarlo

ESAME DI STATO AVVOCATO: TUTTO SU PROVE, REQUISITI, MATERIE E REGOLAMENTO. Dopo aver sudato su libri e dispense per conseguire la laurea in Giurisprudenza, dopo 18 mesi di praticantato, manca un ultimo grande sforzo per scalare la vetta: l'Esame Avvocato, ovvero l'Esame di Stato abilitante alla professione d avvocato. L'Esame di stato Avvocato si rivela una vera e propria carneficina, poiché sono pochissimi coloro che riescono a superarlo al primo colpo. Il motivo principale è sicuramente l'elevata difficoltà dell'esame, ma non dimentichiamo che un metodo di studio appropriato può renderci vittoriosi in qualsiasi test o esame sostenuto. Quindi, nulla è impossibile: serve solo organizzazione, metodo, logica nello scrivere e nel rispondere alle domande. Ecco allora come procedere per superare l'Esame Avvocato: tutto su prove, requisiti, materie, regolamento.


 

ESAME DI STATO AVVOCATO: STRUTTURA DELLE PROVE. Per prima cosa, informiamoci su come è strutturato l'Esame Avvocato, in modo da organizzare, di conseguenza, lo studio. L'Esame di Stato dovrà svolgersi nella sede della Corte d'Appello del distretto in cui si è svolto il praticantato. L'esame di stato per la professione di avvocato è composto da 3 prove scritte e 1 orale:

Prove scritte esame avvocato

Le tre prove scritte sono temi elaborati dal Ministero della Giustizia, riguardanti:

• il Codice Civile con la redazione di un parere motivato

• il Codice Penale e la redazione di un parere motivato

• redazione di un atto giudiziario, scegliendo tra diritto privato, penale o amministrativo

Prova orale esame avvocato

Superate le prove scritte, si potrà affrontare la prova orale. Questa consiste in:

• discussione di 5 minuti delle 3 prove scritte

• esaminazione su 5 materie scelte tra quelle proposte 

• conoscenza del diritto forense

• conoscenza dei diritti e doveri dell'avvocato


ESAME AVVOCATO: LE MATERIE DA STUDIARE. Lo studio per l'esame di stato abilitante alla professione di avvocato richiede molto impegno e costanza. Innanzitutto, occorre utilizzare un manuale, i codici commentati e riviste giuridiche. 

Tabella di marcia

Serve, per prima cosa, dare un'occhiata a tutto il programma, capire quali argomenti vanno studiati e stilare una tabella di marcia. Meglio dare priorità agli argomenti che si conoscono di meno, così da approfondirli meglio. 

Evitare lo studio mnemonico

Mai studiare a memoria: sicuramente l'avremo capito nel corso degli anni universitari, ma non dimentichiamolo mai. Non serve conoscere norme mnemonicamente e poi non saperle applicare ad un fatto reale: non siamo più a scuola, e per diventare un vero professionista occorre utilizzare logica e metodo nei ragionamento, elementi che serviranno a risolvere specifici problemi giuridici. 

Esame avvocato: come studiare per le prove scritte

Fondamentalmente, lo studio per prove scritte e prova orale è incentrato sullo stesso programma, ma la differenza sta nel modo di studiare. Prendiamo allora tutti gli argomenti affrontati durante l'università, e ripassiamo seguendo la tabella di marcia che abbiamo creato. Concentriamoci poi sulla ratio delle norme e sui collegamenti con altre norme. 

Nel corso dello studio, utilizziamo i codici commentati, le riviste giuridiche, e consultiamo anche il sito istituzionale della Corte di Cassazione. In questo modo si avrà un quadro completo degli argomenti, poiché si acquisiranno anche i temi più attuali e probabilmente oggetto d'esame. 

Lo studio teorico però non basta: prendiamo prove degli anni precedenti, e proviamo a svolgere le tre tipologie di prova scritta. Rileggiamo tutto e cerchiamo di capire dove abbiamo sbagliato e cosa possiamo migliorare. Stiamo attenti anche agli errori di ortografia e alla fluidità del discorso. 

Esame Avvocato: come studiare per la prova orale 

Per la prova orale abbiamo già acquisito un po' di nozioni, bisogna solamente applicare logica e migliorare la chiarezza d'esposizione.

Commento alle prove scritte

Durante la prima parte d'esame si commenteranno le prove scritte. Dunque, una volta sostenute le prove, riprendiamo gli argomenti affrontati nelle prove e valutiamo il lavoro, quello che abbiamo sbagliato, cosa avremmo potuto fare meglio. Cerchiamo di ripassare tutto ciò che è collegato agli argomenti, così da far capire alla commissione che siamo preparatissimi!

Discussione su 5 materie

Ora arriva la parte più difficile: nella seconda parte dell'esame orale si dovrà discutere su 5 materie a scelta tra:

  • diritto costituzionale
  • diritto civile
  • diritto commerciale
  • diritto del lavoro
  • diritto penale
  • diritto amministrativo
  • diritto tributario
  • diritto processuale civile
  • diritto processuale penale
  • diritto internazionale privato
  • diritto ecclesiastico
  • diritto comunitario

Durante la fase di studio allora, prepariamo bene queste materie, e una volta studiati tutti gli argomenti proviamo a simulare l'esame. Se siamo soli, possiamo scrivere vari argomenti su bigliettini, pescarli, e provare a rispondere rapidamente.

Conoscenza del diritto forense e dei diritti e doveri dell'avvocato

Per questa ultima parte dell'esame orale, basta semplicemente ricordare il diritto forense e quali sono i diritti e doveri dell'avvocato: dopo tutta la fatica precedente ciò sembrerà una passeggiata!

 

ESAME DI STATO AVVOCATO: COME AFFRONTARE LE PROVE. Dopo aver studiato così tanto, non bisogna fare altro che mantenere la calma ed affrontare concentratissimi tutte le prove.

Prove scritte

Per le prove scritte, proviamo a fare prima una bozza in brutta copia, riordinando prima le idee con uno schema. Scriviamo tutto ciò che è inerente alla traccia e facciamo un discorso logico, che abbia senso, e che dimostri le nostre capacità professionali. Attenzione agli errori!

Prova orale

Per la prova orale invece, facciamo attenzione all'esposizione: un buon avvocato deve saper esprimersi alla perfezione, e soprattutto essere molto sicuro e persuasivo! Durante la discussione, scegliamo le materie in cui siamo più preparati, che abbiamo approfondito meglio delle altre. Sarebbe utile assistere, durante le sedute precedenti, agli esami orali effettuati dalla commissione che ci esaminerà: in questo modo potremo annotare domande più frequenti e gli argomenti in cui siamo meno preparati e che dobbiamo ripassare meglio.

Scopri tutto il percorso su Come diventare Avvocato!

 

Commenti

Commenta Esame Avvocato: come superarlo.
Utilizza FaceBook.