Storia

  • Materia: Storia
  • Visualizzato: 1339 volte
  • Data: 2014-10-08
  • Autore: Redazione

Carlo Magno

Carlo Magno e il Sacro Romano Impero: l'idea di un impero cristiano universale ed il suo sgretolarsi alla morte dell'imperatore.

L’idea imperialistica ereditata dal mondo romano

Il mondo romano aveva conosciuto il suo massimo splendore e la sua massima potenza durante l’età imperiale. Tuttavia, dopo aver perduto il carattere unitario, con la divisione dei domini di Roma in Impero d’Oriente e Impero d’Occidente, si è indebolito, in seguito a lotte feroci per il potere e alla pressione dei popoli germanici. Morto Romolo Augustolo, nel 476, Roma perse completamente la sua autorità imperiale. Eppure, la rovina di Roma non impedì che durante l’Alto Medioevo si potesse pensare di creare un potere unico, esteso su gran parte dell’ex Impero d’Occidente. A far riemergere questo ideale fu Carlo Magno, re dei Franchi, erede al trono di Pipino il Breve, e quindi discendente di una di quelle stirpi barbare che avevano distrutto Roma. 

Un’idea imperiale trasformata 

In questo ideale imperiale, ci fu però una grande differenza con il passato romano. Come sappiamo, Roma conquistò diversi popoli, che sicuramente “romanizzò”, ma che lasciò liberi dal punto di vista della religione. Invece, l’idea medievale di un potere unico prevedeva anche un’unica religione, cioè la vera fede. L’aspirazione di Carlo Magno fu quella di dare vita ad un Impero Cristiano, un corpo politico che riunisse sotto di sé tutti i popoli cristiani e diffondesse il Cristianesimo. Questo cambiamento diede vita a conseguenze di enorme portata, prima fra tutte la lotta secolare tra l’Impero e il Papato.

Il Sacro Romano Impero 

Secondo la tradizione, Carlo Magno fu incoronato imperatore da papa Leone III la notte di Natale dell’anno 800, nella Basilica di San Pietro a Roma. Perché un’investitura papale? Semplice: Carlo Magno voleva riconoscere e rafforzare un potere che già aveva, facendosi incoronare imperatore dal Pontefice, che aveva un sommo potere in campo religioso. 

Fine dell’impero di Carlo Magno

La realtà dell’impero cristiano universale fu una breve parentesi: alla morte di Carlo Magno l’impero si smembrò. Nel giro di due secoli iniziò a delinearsi un’autonoma monarchia nazionale nei territori francesi, e l’idea imperiale sfumò qui, e si trasferì al di là del Reno, in Germania.