Grammatica

  • Materia: Grammatica
  • Visualizzato: 1192 volte
  • Data: 2014-09-05
  • Autore: Redazione

Classificazione degli aggettivi qualificativi

La classificazione degli aggettivi qualificativi: primitivi, derivati, alterati e composti.

In base alla loro struttura, gli aggettivi qualificativi si distinguono in: primitivi, derivati, alterati e composti.

Aggettivi qualificativi primitivi

Sono formati da radice + desinenza. Es. “buon-o”, “facil-e”, ecc.

Aggettivi qualificativi derivati

Sono quelli che derivano da un aggettivo primitivo o da un nome o da un verbo con l’aggiunta degli affissi (prefissi e suffissi). Es. “inutile > in – util – e”, “mortale > morta – ale”, “temere > tem – ibile”.

Aggettivi qualificativi alterati

Derivano da un aggettivo primitivo + suffissi alterati come “-ino, -one, -otto, -accio”, ecc. Es. “grasso > grassino, grassone, grassotto, grassaccio”.

Aggettivi qualificativi composti

Sono formati da due aggettivi primitivi. Es. “agrodolce, verosimile, ecc.”. Questi formano il plurale cambiando solo la desinenza del secondo aggettivo: “agrodolci, verosimili, ecc”.